fbpx

Decine di foche sono state trovate morte sulla costa del Mar Caspio

Mondo

Pubblicato da:

alle ore: 07:51

Nel 2000 quando il virus del cimurro canino ha causato la morte in massa di 12.000 esemplari del Caspio. Poi di nuovo nel 2007.

© MARKUS SCHOLZ / DPA / dpa Picture-Alliance via AFP

AGI – Carcasse di foche morte sono state trovate sulla costa del Mar Caspio vicino alla diga d’acqua del campo petrolifero Karazhanbas nella regione di Mangistau. “Le agenzie ambientali locali stanno indagando sulla causa della morte”, ha detto mercoledì il Comitato per la pesca del Ministero dell’Ecologia, della Geologia e delle Risorse Naturali. Gli ispettori ittici statali, in risposta alle informazioni pubblicate sui social media su 50 carcasse di foche morte spiaggiate vicino alla diga d’acqua, sono andati sul posto per verificare i fatti.

“Il 26 aprile, gli ispettori hanno confermato il ritrovamento di 22 foche morte sparse lungo la costa. Lo stato di decomposizione delle carcasse potrebbe complicare l’esame forense”, ha detto il ministero. Gli ispettori del Dipartimento del pesce, insieme ai ranger, stanno setacciando la zona costiera alla ricerca di altri animali morti.

Campioni d’acqua e di terra e carcasse di foche saranno consegnati all’Ecologia e al Servizio Veterinario per le analisi di laboratorio. Una massiccia moria di foche è stata registrata nel 2000 quando il virus del cimurro canino ha causato la morte in massa di 12.000 foche del Caspio. Nel 2007 lo stesso virus ha ucciso quasi 1.000 foche.

Nel 2009 alcune centinaia di mammiferi marini sono morti durante il periodo e altre carcasse morte di foche del Caspio sono state gettate a terra nella primavera del 2012. Nell’ottobre 2008, la foca del Caspio è stata riclassificata da “Vulnerabile” a “In pericolo” sulla Lista Rossa delle Specie Minacciate dell’IUCN.

Nel 2020, la foca del Caspio è stata inclusa nel cosiddetto Libro Rosso del paese (la lista delle specie minacciate), la cui popolazione era diminuita da 1 milione a 100.000 capi negli ultimi 100 anni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube