fbpx

Docenti in vacanza tre mesi: FALSO!

Attualità & Cronaca

Pubblicato da:

alle ore: 12:50

Dario Patruno

Alla fine dell’anno scolastico e con gli esami di terza media e maturità alle porte s’impone un’attenta riflessione sulla classe docente di questo paese considerata a torto come quella del pubblico impiego che godrebbe di maggiori periodi di ferie rispetto al resto della platea.

In via preliminare preciso che i docenti sono in servizio per gli esami di stato anche a luglio e quindi obbligati a rimanere in servizio. Durante l’anno scolastico e nel mese di giugno in particolare sono impegnati in full immertion dal mattino alla sera e questo rende faticosa la tenuta dell’equilibrio familiare, come gli altri lavoratori.

Va considerato che da maggio le temperature si elevano e le aule diventano luoghi inadeguati e insalubri tali da rendere impossibile la continuazione di un’attività didattica proficua che andrebbe sostituita con attività di svago.  Tutti siamo stati adolescenti e sappiamo quanto sia importante riposare.

A questo punto entra in scena il ruolo dei sindacalisti per far riconoscere

a tutti i docenti le agevolazioni sui “lavori usuranti”. Ma quali sono questi lavoratori?

Quelli svolti in galleria, cava o miniera, tutte le mansioni svolte in sotterraneo, i lavori in cassoni ad aria compressa, i lavori svolti dai palombari, i lavori svolti ad alte temperature, i lavori che prevedono la lavorazione del vetro cavo, i lavori espletati in spazi ristretti, riparazione e manutenzione navale, e i lavori di asportazione dell’amianto. Anche i docenti di scuola primaria rientrano nella categoria: avranno diritto alla pensione anticipata. Oltre agli insegnanti della scuola dell’infanzia, dal 2022 anche i maestri e i collaboratori scolastici della primaria, rientreranno tra i lavoratori usuranti. Medie e superiori sono esclusi.

Il discrimen che rende il lavoro dell’insegnante unico è il rapporto con i ragazzi che spesso spalleggiati dai genitori non rispettano i docenti, rendendo difficile il ruolo educativo che comporta una educazione di base che può provenire solo dalla famiglia, spesso assente e delegante il suo ruolo insostituibile alla scuola, diventata il capro espiatorio delle carenze sociali.  Spesso anche docenti volenterosi e dotati di carisma faticano a tenere a bada una comunità di adolescenti in cui gli alunni più vivaci, per usare un eufemismo, finiscono per rendere impossibile una lezione degna di questo nome.

Insomma l’appello si rivolge a genitori e governo perché prendano atto che il ruolo della scuola è diverso dal baysitteraggio che si sta facendo strada nell’immaginario collettivo, a seguito di politiche scolastiche sbagliate che privano il docente del suo autorevole ruolo, costringendolo a subire a volte l’arrogante prepotenza. E cosa ancora più grave, se giustificata in sede giudiziaria da alcune sentenze che non fanno bene al futuro della scuola e alla educazione dei nostri giovani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube