fbpx

Don Matteo, ultimo ciak per Terence Hill

Cinema, Musica & Spettacolo

di Claudio Gentile

A quasi 22 anni dalla messa in onda della prima puntata e 259 episodi, Terence Hill (al secolo Mario Girotti), 82 anni di cui 50 di carriera, dice addio alla serie “Don Matteo”. È stata, infatti, girata ieri a Spoleto l’ultima scena della fiction in cui compare il famoso prete detective.

Dopo i rumors dei mesi scorsi, è stato lo stesso Terence Hill a comunicare il suo addio alla fiction sui suoi account social. Commossi gli altri protagonisti, Nino Frassica in testa, e lo staff della produzione. Una foto di gruppo di rito ha suggellato il saluto all’attore veneziano, che continuerà però a lavorare in altri progetti cinematografici (sono già in programma due film, uno di Natale e uno western).

A sostituire don Matteo, dalla quarta puntata della tredicesima stagione, sarà don Massimo, interpretato da Raul Bova, il quale, a differenza del suo predecessore, non userà né la talare, né la bicicletta, ma una più moderna moto. A lui spetterà anche il compito di indagare sull’improvvisa scomparsa di don Matteo, che molto probabilmente farà un’ultima comparsa al termine della stagione per svelare il mistero.

Una soluzione simile è stata presa qualche anno fa in un’altra fiction che vedeva Terence Hill come protagonista (“Un passo dal cielo”) nei panni del comandante di una stazione della Forestale. A sostituirlo fu chiamato l’attore Daniele Liotti.

“Per me è come la staffetta della 4×100. Mi sta per arrivare questo testimone in grande velocità e io spero di dare il massimo per arrivare a vincere” ha detto Bova. All’ANSA il produttore Luca Bernabei ha spiegato che don Massimo “ha alle spalle una storia particolare, prende i voti tardi. E al suo primo incarico in una parrocchia, abbraccia la fede con una spiritualità francescana”.

Era il 7 gennaio 2000 quando su Rai1 venne trasmesso il primo episodio di questa fiction, ideata del regista Enrico Oldoini e targata Lux Vide di Luca e Matilde Bernabei e Rai Fiction, che ha macinato milioni di ascoltatori ed è stata venduta in numerosi Paesi (oltre a San Marino, Slovacchia, Germania, Francia, Finlandia, Giappone e Australia) ed è stata “copiata” dalle televisioni polacca e russa. Dal 2020, con la messa in onda della dodicesima stagione, “Don Matteo” è diventata la serie tv più longeva della televisione italiana dopo “Il Commissario Montalbano” (14 stagioni all’attivo, ma con meno episodi).

Don Matteo è il parroco della Chiesa di San Giovanni Battista di Gubbio, poi trasferito a quella di sant’Eufemia a Spoleto dalla nona stagione. Grazie all’amicizia e alla collaborazione con il maresciallo dei Carabinieri Nino Cecchini (interpretato da Nino Frassica), riesce a intrufolarsi nei casi legali e criminali e a risolverli grazie a un indizio decisivo, che arriva molto spesso per intuizione innata e per la sua ampia conoscenza dell’animo umano. Ad ostacolare le sue indagini i capitani che si susseguono nella locale caserma dei Carabinieri Flavio Anceschi (interpretato da Flavio Insinna), Giulio Tommasi (interpretato da Simone Montedoro) e Anna Olivieri (interpretata da Maria Chiara Giannetta), che tentano invano di tenerlo lontano dalle indagini, ma alla fine riconoscono sempre la bravura del sacerdote.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE