fbpx

È  stato molto bello ascoltare Erri De Luca alla Feltrinelli di Milano

Arte, Cultura & Società

Pubblicato da:

alle ore: 00:02

 Presentava il suo ultimo lavoro, Spizzichi e bocconi.
Le parole di Erri De Luca ci dicono che il cibo è memoria. Lo sosteneva anche Marcel Proust nel suo La ricerca del tempo perduto. E il cibo riguarda quindi pure l’ anima, che si nutre anche di memoria. 
Le sacre scritture sono piene di riferimenti al cibo 
fino ad arrivare persino dal cielo.
Di fianco alla parola cibo esplode tutta la sua drammaticità la parola fame, che oggi come ieri é una tragedia per tanta parte di mondo povero e  silenzioso. Basti pensare quanto le speculazioni sul prezzo del riso condotte da grandi Istituti bancari  da certe piazze finanziarie internazionali, provochino stragi di bambini per fame.
Per assenza di cibo, dell’ unico che potrebbero permettersi: il riso.
Ma il cibo e la memoria, in una combinazione dolcissima, toccano anche note poetiche.
Erri De Luca le tocca tutte.
Quanto è  vera, lo sa ognuno di noi, la potenza  di quel particolare Ragù  o di quella particolare pasta al forno che quando incontra la tua memoria ti fa  sentire al sicuro. A casa.
Un libro così bello, su questo tema, poteva scriverlo solo un italiano del Sud. Erri De Luca lo è  a tutto tondo. Napoletano e segaligno, col passare del  tempo il suo volto assume sempre di più i tratti dei napoletani acuti e poeti, che scrutano negli angoli dove la vita c’è. Dove essa crede. E ci crede.
Più guardo la sua foto e più mi pare un eroe della stirpe di Eduardo. 
La mia ammirazione nei suoi confronti, è  per il saper essere scrittore così come lui è .
E prescinde, perché così deve essere, dalle sue idee politiche. In un tempo in cui tira brutta aria per chi produce arte. Il pensiero unico vuole tutti dalla sua parte. In altre parole: ” tutti in fila per tre e quando arriva il direttore tutti in piedi e battete le mani”, come cantava un altro bravo napoletano: Edoardo Bennato.
 
Francesco Magisano

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube