fbpx

Egitto, restituita alla luce la “città d’oro” perduta di Luxor

Arte, Cultura & Società

EGITTO – La pagina Facebook del Ministero della Antichità egiziano ha annunciato lo straordinario ritrovamento. Una “città d’oro perduta”, risalente a più di 3.000 anni fa, ha di nuovo visto la luce grazie ai lavori di scavo guidati dall’archeologo egiziano Zahi Hawass . La strepitosa scoperta è la più importante avvenuta in Egitto dopo quella della tomba di Tutankhamon.

Il vasto insediamento urbano, il più grande rinvenuto in Egitto, si trova nel sud del Paese, sulla sponda ovest del Nilo nella zona di Luxor.

Questo ritrovamento potrebbe aiutare a risolvere il mistero di Tebe (l’attuale Luxor) che fu abbandonata dal faraone Akhenaton, il quale avrebbe ereditato la “città d’oro” dal padre Amenhotep III.

redazione@corrierenazionale.net


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE