fbpx

Francesco Forte: un’enciclopedia solo per raccontarlo

Politica

Nulla può esaurire la esposizione della sua vastissima esperienza e cultura.

Per raccontare Francesco Forte, c’è bisogno di una enciclopedia che raccolga la sua ricchissima biografia di studioso e di politico.

Basti ricordare la designazione di Luigi Einaudi negli anni ’70 alla successione nella cattedra di Scienza delle Finanze di Torino, già incarico occupato dall’ex Presidente della Repubblica che iniziò la sua carriera giornalistica e politica tra i socialisti di Palazzo Campana e sulle colonne di Critica Sociale con Turati ai primi del ‘900.

E il suo rapporto di amicizia con il Nobel  Oliver Williamson che inaugurò negli Usa la disciplina cosiddetta “Law and Economics” (Analisi economica del diritto”) che intreccia la dinamica economica con il progresso delle norme e delle istituzioni pubbliche fino a giungere a forme di autogoverno: supposta  l’idea-tipo della concorrenza perfetta tale disciplina  viene impiegata per comprendere i fallimenti del mercato e il ruolo del diritto nel risolvere o nel generare tali fallimenti.

Non va assolutamente dimenticato la dedizione di Forte per Ezio Vanoni, tra gli estensori, con Pasquale Saraceno, del cosiddetto “Piano” di ricostruzione dell’Italia nel dopoguerra, frutto degli studi del gruppo di Camaldoli, promosso dall’allora segretario di Stato vaticano, Montini, e fucina della rinascita della DC. Vanoni fu chiamato ad elaborare il progetto finanziato dal piano Marshall pur essendo cresciuto nelle fila del socialismo di Turati e Matteotti per la sua competenza derivata dalla scuola liberalsocialista della Critica Sociale. Come diceva ridendo Francesco Forte, Vanoni si ritrovò così a “buscarle dai fascisti e dai comunisti” allo stesso tempo. Socialdemocratico, non aderì al Fronte voluto da Nenni.

Al momento della sua morte Francesco Forte aveva definito un Comitato scientifico di prim’ordine per il rilancio di Critica Sociale a cui era particolarmente legato per la sua stessa formazione, come fu la Rivista scuola anche per la formazione del suo maestro, Einaudi.

Nulla può esaurire la esposizione della sua vastissima esperienza e cultura.

E’ necessario almeno ricordare che partecipò e contribuì alla stesura del Rapporto per la riduzione del debito del Terzo Mondo per conto di Bettino Craxi incaricato dall’ONU per questo progetto giunto al suo termine, purtroppo, alla vigilia della fase storica opposta, ovvero alla vigilia della globalizzazione che si nutrì di debito pubblico internazionale.

Nel trigesimo sarà nostra cura promuovere un convivio del Comitato scietifico di Critica Sociale da lui costituito e presieduto con la adesione di numerosi studiosi, molti dei quali ordinari di economia, storia e scienze politiche delle Accademie italiane, per un seminario sulla sua opera e sul suo pensiero.

Va anche detto che la sua scomparsa ci priva di un “bon-bon”, ovvero del puro piacere mentale di creare con la logica applicata all’esperienza, soluzioni spesso irrealizzabili ma non inverosimili su cui era uno spasso intrattenersi con Franceso nelle interminabili conversazioni personali o telefoniche. Un tratto umano inscindibile dalle sue straordinarie capacità di analisi e genialità creativà.

Stefano Carluccio   (Critica Sociale)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
YouTube