fbpx

G20 unito sulla tassazione delle multinazionali. Per il ministro Franco “è un accordo storico”

Economia e Finanza

Ci sono due pilastri: uno riguarda lo stanziamento dei profitti delle grandi multinazionali, con fatturato sopra i 20 miliardi di euro, nei Paesi in cui operano. L’altro, l’aliquota fiscale minima per le società con almeno 750 milioni di euro di fatturato pari ad almeno il 15%

©  Armando Dadi/Agf – Daniele Franco ministro dell’Economia e delle Finanze

AGI – Il G20, sotto la presidenza italiana, raggiunge un risultato definito da più parti “storico” e, all’unanimità, fa fare un balzo avanti alla riforma della fiscalità internazionale, compresa l’idea di un’aliquota del 15% per una tassa minima globale sulle multinazionali.

“Si tratta di un accordo storico perché stiamo definendo le regole mondiali per le grandi aziende”, ha spiegato il padrone di casa, il ministro dell’Economia Daniele Franco, intervenendo in conferenza stampa assieme al governatore di Bankitalia Ignazio Visco alla conclusione dei lavori. “I pilastri prevedono due norme: una che riguarda uno stanziamento dei profitti delle grandi multinazionali, quelle con fatturato sopra i 20 miliardi di euro, nei Paesi in cui operano e l’altra che riguarda un’aliquota fiscale minima per le società con almeno 750 milioni di euro di fatturato pari ad almeno il 15%”.

L’intesa “crea un terreno paritetico” a livello di concorrenza fra i paesi, ha aggiunto il governatore Visco, secondo cui i risultati raggiunti oggi dal G20 danno “complessivamente una risposta importante sulla necessità di lavorare assieme”. 

“La concorrenza fiscale non viene abolita ma in qualche modo regolata”, ha aggiunto Franco, spiegando che le nuove norme porranno uno stop alla ‘race to the bottom’ (corsa al ribasso, ndr) fra i vari Stati. A benedire l’intesa sono anche gli altri grandi dell’Economia mondiale: “il mondo è pronto per un tetto minimo della tassazione e c’è un ampio consenso in merito”, ha detto il segretario al Tesoro americano, Janet Yellen, invitando “ora a muoversi velocemente per chiudere l’accordo”. Il ‘patto di Venezia’, secondo il copyright del commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni, “segna un cambio delle regole globali sulla tassazione che lascerà il segno” e “fa piacere che questo sia successo sotto la presidenza italiana” del G20.

“L’economia dovrà seguire regole che terranno conto della dimensione globale e digitale del mondo di oggi” e non più di regole nazionali del secolo scorso ha aggiunto l’ex premier. Da qui ad ottobre, hanno comunque rimarcato tutti i protagonisti, ci sarà ancora molto da fare, sia per convincere chi non ha ancora firmato (in Europa sono Ungheria, Irlanda ed Estonia) a sposare l’accordo, sia per trovare la quadra sui dettagli tecnici, che vanno dalla quota di riallocazione dei profitti delle multinazionali, con un punto di caduta che potrebbe essere la 25%, a quello dell’aliquota minima che paesi come la Francia vorrebbero più alta del 15%. “Mi sorprenderebbe che questa soglia cambiasse”, ha detto ancora Gentiloni. Fra gli altri punti toccati e condivisi dal G20 la necessità di accelerare sulle vaccinazioni in tutto il mondo e quella di mantenere intatto il supporto alla ripresa.

Lo scenario sulla crescita e sulla ripresa dopo la crisi da Covid è migliorato ma fra i vari Paesi permangono differenze e i ministri del G20 hanno concordato di impegnarsi a mantenere misure di stimolo “per tutto il tempo necessario”, ha detto Franco, sottolineando come si sia deciso di “evitare un ritiro prematuro” dei sostegni. “Dobbiamo cercare di evitare nuove restrizioni” ai movimenti e agli stili di vita delle persone legati alla pandemia da Covid e “per farlo l’unica risposta sono le vaccinazioni, sono il principale strumento che abbiamo”, ha aggiunto. “L’economia globale si sta riprendendo e sta andando relativamente bene, i dubbi maggiori sono legati alla pandemia e alle varianti, ma se la popolazione è immunizzata i contagi si riducono e diventano meno probabili”.

Altro tema forte al centro del G20 di Venezia quello del cambiamento climatico. Per combattere il cambiamento climatico serve un “mix di politiche per dare forma a transizioni giuste e ordinate verso un mondo a basse emissioni di gas serra, piu’ prospero, sostenibile ed equo”, spiega il comunicato finale, che fra gli indica l’utilizzo di meccanismo di ‘carbon pricing’.  Sul clima serve “un approccio piu’ uniforme possibile” e un “maggior coordinamento”, anche per avere “standard di report dei dati piu’ uniformi possibili”, ha sottolineato il governatore Visco. “È fondamentale avere dati chiari e trasparenti” sul climate change, ha aggiunto. “Abbiamo un piano pluriennale sulla finanza sostenibile per affrontare il cambiamento climatico”, ha detto ancora il governatore, spiegando che all’interno del G20 è stata fatta una riflessione “su come allineare l’ambito finanziario con l’obiettivo della sostenibilita’”. 

TAG: visco, g20, multinazionali, tasse

Redazione Corriere Nazionale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE