fbpx

Geopolitica: Mohammed bin Zayed nuovo presidente degli Emirati Arabi Uniti

Mondo

Pubblicato da:

alle ore: 20:52

Già in carica informalmente da diversi anni, il leader succede al fratello Khalifa Ben Zayed Al Nahyan, deceduto venerdì, alla testa di uno dei paesi più potenti del Medio Oriente.

Il leader di fatto è diventato anche il reggente ufficiale.

Si possono così riassumere gli sviluppi politici avvenuti nel fine settimana negli Emirati Arabi Uniti (UAE). A seguito della morte, venerdì 13 maggio, all’età di 73 anni, di Khalifa Ben Zayed Al Nahyane, presidente di questa federazione dei principati del Golfo, che un ictus aveva costretto a ritirarsi dalla scena politica nel 2014, il fratellastro Mohammed Ben Zayed Al Nahyane, l’uomo forte della petro-monarchia da quella data, è diventato presidente sabato 14 maggio. Gli analisti non prevedono però sostanziali mutamenti di rotta politica.

Dignitari stranieri hanno subito iniziato ad affluire ad Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti, che nell’arco di un decennio è diventata uno dei paesi più potenti del Medio Oriente. Tra questi c’è Emmanuel Macron, arrivato domenica nel Golfo, il suo primo viaggio fuori dall’Europa dalla sua rielezione. Durante il suo primo mandato, il presidente francese ha fatto degli Emirati il ​​pilastro della sua azione nel mondo arabo-musulmano, una partnership sottolineata da un mega-contratto commerciale, firmato nel dicembre 2021 ad Abu Dhabi. Macron ha tributato le sue condoglianze al nuovo capo di stato degli Emirati e si è congratulato con lui per la sua “elezione”.

Si è trattato di una formalità. Il Consiglio Supremo Federale, organismo che raccoglie i monarchi dei sette emirati che compongono gli Emirati Arabi Uniti, ha nominato all’unanimità presidente l’uomo soprannominato “MBZ”, ratificando un piano di successione preparato tempo fa. È diventato principe ereditario di Abu Dhabi nel 2004, alla morte di suo padre, Zayed, fondatore degli Emirati Arabi Uniti, e quando Khalifa è diventato emiro di Abu Dhabi e presidente, lo sceicco Mohammed è stato predestinato a salire al potere supremo.

Uno stato di polizia

Il paese è retto da un potere autocratico. La Costituzione degli Emirati Arabi Uniti non riserva la presidenza del Paese al monarca della maggiore degli Emirati. L’articolo 51 prevede che il capo dello stato sia eletto tra i membri del Consiglio Supremo, il che presuppone che, in teoria, l’emiro di una delle altre sei città-stato possa rivendicare la guida del paese. Ma lo squilibrio di ricchezza è tale tra Abu Dhabi, i cui territori sono pieni di petrolio, e gli altri emirati si è verificata una forma di accentramento, a scapito della vocazione federale degli Emirati Arabi Uniti.

Dubai, la vetrina chic del Paese, l’unico emirato che potrebbe mettere in ombra Abu Dhabi, ha dovuto rinunciare alle sue ambizioni al momento del crollo finanziario del 2008. In cambio, Abu Dhabi aveva salvato la città dalla bancarotta, risparmiando il suo settore immobiliare, sovra-indebitato. Il famoso Burj Khalifa, una torre d’acciaio alta 828 metri, è il simbolo di questa operazione. Orgoglio di Mohammed Ben Rachid Al Maktoum, l’emiro locale, che l’ha voluta chiamare “Torre di Dubai”, è stata ribattezzata in onore dell’emiro di Abu Dhabi all’inaugurazione nel 2010.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube