fbpx

Guerra dei broccoli tra Germania e Italia

Attualità & Cronaca

Pubblicato da:

alle ore: 15:08

Accusa di pesticidi sopra i limiti nei broccoli  italiani esportati in Germania riportata dal sistema di allerta rapida europeo Rasff

Scoppia la guerra dei broccoli tra Germania e Italia. E l’accusa dei teutonici nei nostri confronti è pesante: veleni in alcuni ortaggi coltivati nel nostro paese anche se soggetti ai rigidi disciplinari Ue che hanno, da anni, eliminato o ridotto le quantità di pesticidi e fitofarmaci usati in agricoltura. L’allerta per contaminazione di “rischio grave” è stata lanciata ieri, 19 maggio, dal Sistema rapido di allerta europeo per alimenti e mangimi (Rasff) della Commissione Europea, con tanto di pubblicazione di una black list degli alimenti contaminati, su segnalazione del Ministero della Salute della Germania e pubblicata sul sito europeo di RASSF. Il prodotto è stato ritirato dalle vendite a scopo preventivo, per ragioni di possibile contaminazione in quanto nella maggioranza dei broccoli è stata trovata la presenza in eccesso di Acetamiprid, Chlorfenapyr, Carbendazim, Flusilazole e Pyridaben. Speriamo  si tratti di un allarme fondato e non di un tentativo di delegittimazione tedesca verso le nostra agricoltura italiana.

Non è da dimenticare che il settore primario in questione, secondo gli esperti rimane il più “green” d’Europa con 281 prodotti a denominazione di origine (Dop/Igp), il divieto all’utilizzo degli Ogm e il maggior numero di aziende biologiche, ma è anche al vertice della sicurezza alimentare mondiale con il minor numero di prodotti agroalimentari con residui chimici irregolari (0,4%), quota inferiore di quasi 4 volte rispetto alla media europea (1,4%) e di quasi 20 volte quella dei prodotti extracomunitari (7,5%). Ecco perchè ci rivolgiamo al Nostro Ministero della Salute per verificare la fondatezza dell’allerta e nel caso, chiarire quale sia la provenienza degli ortaggi nel mirino delle autorità sanitarie tedesche.

Giovanni D’AGATA


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube