fbpx

I timori di Mosca riguardo alle mutazioni geopolitiche in Asia centrale

Mondo

Pubblicato da:

alle ore: 14:10

Neutralità: questa è la posizione dei cinque Paesi dell’Asia centrale (Kazakistan, Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan e Turkmenistan) nei confronti dell’ex dominatore russo e della sua aggressione all’Ucraina.

Ma c’è di più. Alla fine di maggio, i servizi di sicurezza kirghisi (GKNB) hanno incriminato un cittadino kirghiso che combatteva nelle file delle forze ucraine. Il mese precedente, gli stessi servizi avevano avvertito i cittadini di astenersi dall’esporre la lettera Z, simbolo dell’offensiva russa, pena azioni legali.

Inoltre, nessuno dei capi di Stato dei cinque Paesi dell’Asia centrale si è recato ad omaggiare Vladimir Putin alla parata del 9 maggio di quest’anno sulla Piazza Rossa, per celebrare la vittoria sul nazismo. Il Kazakistan è arrivato a cancellare la parata militare in patria per la prima volta dall’indipendenza del 1991.

Invece della tradizionale visita a Mosca, il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev si è addirittura recato in Turchia per firmare accordi di cooperazione militare (qui inclusa la costruzione di una fabbrica di droni d’attacco ANKA in Kazakistan) e lo sviluppo di corridoi logistici (merci e idrocarburi) che aggirino il territorio russo. Questo è stato considerato un affronto dalla Russia, ispirando una serie di dichiarazioni aggressive, come persino l’invito a “denazificare il Kazakistan” da parte di un deputato della duma di Mosca.

La questione sostanzialmente nuova è comunque che le cancellerie dell’Asia centrale si sono tutte rifiutate di seguire Mosca nel riconoscimento, a scapito della sovranità territoriale dell’Ucraina, dell’indipendenza delle due repubbliche autoproclamate di Donetsk e Luhansk. Alcuni analisti presagiscono in questa mossa l’insorgere di nuovi scenari geopolitici nell’area.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube