fbpx

Infissi in condominio, sul colore decide il proprietario

Sostituzione degli Infissi? Senza regolamento sui colori decide il proprietario. Decoro architettonico salvo se ci sono già infissi di colori diversi

Noi e il Condominio

Il condomino può sostituire gli infissi con altri di colore diverso? Puoi scegliere il colore? O deve rispettare determinate regole? Serve il consenso degli altri condomini?

Il Tribunale di Pavia risponde ad alcune delle domande con la sentenza 776 del 29 maggio 2021.  

Nel caso specifico, il condomino comunicava all’amministratore la sostituzione degli infissi del suo appartamento con altri di colore bianco. L’amministratore non si era opposto. Tuttavia, convocava l’assemblea di condominio, che delibera la sostituzione dei nuovi infissi. Motivo? Devono essere dello stesso colore degli altri infissi. Va tutelato il decoro architettonico.

Il proprietario si oppone. Il condomino può sostituire gli infissi con altri di colore diverso. Ci sono già finestre di altri colori. E poi non esiste una norma del regolamento condominiale sui colori degli infissi.

Il giudice ha dato ragione al proprietario.

Innanzitutto, il regolamento non prevede nulla sul colore degli infissi esterni. Il condomino non ha dunque violato nessuna regola.

Va considerato poi l’articolo 1122 del codice civile. A casa sua ogni condomino può eseguire qualsiasi lavoro. L’importante è non danneggiare le parti comuni; non pregiudicare la stabilità e la sicurezza dell’edificio; non ledere il decoro architettonico. In ogni caso, va avvisato prima l’amministratore, che poi riferisce all’assemblea.

Nel nostro caso il condomino ha avvisato l’amministratore. Ha anche inviato una mail per comunicare la sostituzione dei serramenti di casa con altri di colore bianco. Risposta dell’amministratore: “va bene. La ringrazio per l’informazione”. Nessun rifiuto. 

Rimane una cosa da valutare. Se i nuovi infissi contrastano con i limiti stabiliti dall’articolo 1122. Assenti danni alle parti comuni o pericoli di staticità e sicurezza, il giudice ha escluso anche la lesione al decoro architettonico.

Il condomino può sostituire gli infissi con altri di colore diverso. Innanzitutto, perché nello stabile vi era già difformità di colori. Già prima dei lavori erano presenti diversi colori sulla facciata. Inoltre, l’appartamento si trova al piano rialzato. E’ dotato di una parziale autonomia architettonica rispetto al resto dello stabile.  Il decoro architettonico è salvo. 

Giuseppe Nuzzo 

www.corrierenazionale.net 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE