fbpx

Il Gran pranzo e la parata chiudono gli eventi per il Giubileo di Platino

Mondo

Pubblicato da:

alle ore: 09:07

Ieri sera la parata di star, da Alicia Keys ai Queen, per il mega concerto a Buckingham Palace 

AGI –  Si concludono oggi i quattro giorni di celebrazioni pubbliche del Giubileo di Platino, i 70 anni di regno della regina Elisabetta II, un traguardo mai raggiunto da un sovrano nella storia plurisecolare della monarchia britannica. Il Gran pranzo del Giubileo (‘Big Jubilee Lunch’) vedrà i cittadini organizzare grandi tavolate per le strade e nei giardini del Paese. Era gia’ accaduto nel 2009 in occasione del Giubileo d’Oro e nel 2012 per il Giubileo di Diamante.

Altro evento in programma, la parata ‘Platinum Jubilee Pageant’, che vedrà, tra gli altri, militari, attori, musicisti e artisti, circa 10 mila persone, percorrere circa 3 chilometri nel centro città, ‘guidati’ dalla carrozza dorata ‘Gold State Coach’, usata dal 1762 per ogni cerimonia di incoronazione.

Lo spettacolo finale prevede la performance, davanti a Buckingham Palace, di Ed Sheeran che intonera’ ‘God Save The Queen’. Una maxi torta nuziale ricorderà il matrimonio della regina, nel 1947, con Filippo, morto l’anno scorso

Parata di star al concerto di Buckingham Palace

Ieri sera una schiera di star, tra cui i leggendari Queen, ha trascinato la folla di Londra nel mega concerto che ha celebrato gli storici 70 anni di regno della Regina Elisabetta II (assente perché stanca)

Ad aprire la serata, i Queen, che hanno interpretato brani leggendari come “We are the Champions” davanti a 22 mila spettatori che sventolavano bandiere della Union Jack, al principe Carlo e il figlio maggiore William, la moglie Kate e due dei loro figli.

Decine di migliaia di appassionati, senza biglietto, hanno seguito il concerto sui maxischermi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube