fbpx

Il momento della riflessione

Attualità & Cronaca

Pubblicato da:

alle ore: 09:39

Da parecchi anni, tentiamo d’offrire ai Lettori un quadro sufficientemente chiaro della situazione socio/politica italiana. Non sappiamo se il nostro intento sia riuscito; sicuramente, però, ci abbiamo provato. Gli eventi di questi ultimi mesi hanno convalidato, purtroppo, certe nostre tesi. I tempi, ma non solo politici, che abbiamo di fronte saranno “difficili”.

I “nodi” del Bel Paese sono anche aumentati per la sensazione che nessuno sia in grado di scioglierli. Se il “piatto piange”, basta aumentare il carico fiscale, diretto e indiretto, e tutto sembra risolversi. L’epoca delle “stangate”, però, è finita col secolo scorso. Ora si dovrebbe ragionare sulle note del “riequilibrio”. Siamo un Paese dagli aspetti socio/economici incoerenti. Invece di “tagliare” dove prospera ancora il benessere, si preferisce “defalcare” da chi ha meno. Il termine “imposta” sembra essere la panacea dei nostri “mali” economici.

Invece d’eliminare i contributi “inutili” e ridimensionare gli “utili” dei Parlamentari, s’insistente nel colpire chi, poi, dovrebbe dare fiducia ai politici, dei più svariati schieramenti, che, però, non la meritano. Gli economisti non provano neppure a fare altre previsioni finanziarie. Chi ancora tira avanti non è nelle condizioni d’occuparsi di quelli che non ce la fanno più. La povertà è una delle poche realtà nazionali; ma s’insistente nell’avvalorare i segnali di una ripresa che non c’è. Entro l’anno, Pandemia permettendo, si dovrà tirare delle somme. Non solo economiche; ma anche politiche.

Ci vorranno anni per tornare sotto il “livello” di guardia. Neppure questa linea governativa, che non riusciamo a definire, potrà invertire l’oggettiva tendenza. Quello che sembra evidente è il tramonto di tante congetture economiche. Purtroppo, l’interrogativo sul nostro futuro resta, al momento, insoluto. Le esteriorità le lasciamo a chi non ha nulla da perdere.  Terminiamo queste nostre valutazioni non con la speranza di stare meglio, ma con l’augurio di non stare peggio.

Giorgio Brignola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube