fbpx

“Il muro” di Sartre

Arte, Cultura & Società

Ritengo sia interessante paragonare “La nausea” di Sartre ad un suo racconto pubblicato un anno dopo, intitolato “Il muro”.

Ne “La nausea” il protagonista Roquentin, dopo aver viaggiato per il mondo, si trova in una cittadina a fare ricerche storiche su un personaggio minore del Settecento.

Queste ricerche lo portano spesso alla Biblioteca dove conosce l’autodidatta, che si erudisce leggendo per ordine alfabetico gli autori.

L’autodidatta è una figura importante del romanzo perché il suo atteggiamento nei confronti dell’umanità è agli antipodi di quello del protagonista.

L’autodidatta dichiara di essere socialista e di amare l’umanità. Pur tuttavia gli ideali non trovano corrispondenza nella vita dell’uomo, che viene addirittura scoperto a molestare un ragazzo in biblioteca. Roquentin ha viaggiato per tutto il mondo.

Ma se è vero che per Sartre alla nausea si può contrapporre solo l’avventura, è altrettanto vero che il protagonista guardandosi indietro si rende conto di aver avuto solo storie e non avventure.

Da quattro anni si è lasciato con Anny, la sua donna, che nel frattempo è diventata una obesa depressa. Anny non gli interessa più, così come non gli interessano più le sue ricerche storiche.

Mentre scrive questo capolavoro Sartre ha in mente la sua filosofia dell’ “uomo solo”. Ma quest’opera, strutturata come un romanzo poliziesco, è anche un feroce attacco alla borghesia.

La nausea causa nel protagonista l’estraneità degli oggetti, la percezione distorte delle cose e della propria immagine.

Non riesce nemmeno a conciliarsi con l’immagine che gli rimanda lo specchio: un uomo addirittura estraneo a sé stesso.

A mio avviso la nausea è dovuta principalmente alla illogicità dell’esistenza

Per dirla in termini esistenzialisti è determinata dal riconoscimento della “deiezione”, cioè dal fatto dell’essere gettati nel mondo senza saperne il motivo.

Non solo, ma Sartre in questo suo capolavoro registra fedelmente lo scarto tra la richiesta chiarificatrice e classificatrice della logica umana e l’aspetto frammentario e dispersivo della realtà. Roquentin è sospeso tra solipsismo e scetticismo.

Ma non ha certezze né riguardo al proprio modo di essere né riguardo al mondo esterno. Sartre svela sia la fallibilità della conoscenza interiore che la limitatezza e la pochezza dell’agire umano.

Il rapporto tra protagonista ed esperienza non è però solo quello del divenire temporale, ma è anche quello della negazione di ogni forma di relazione tra simili.

Mi viene in mente l’esistenzialismo positivo di E.Paci, filosofo oggi ormai dimenticato.

Per Paci non è possibile essere soltanto idealisti (cioè prendere in esame solo “il pensiero per il pensiero”) né soltanto esistenzialisti (cioè considerare solo “l’esistenza per l’esistenza”), né avere soltanto dei presupposti etici (cioè considerare solo “il valore per i valori”).

Bisogna invece attuare una sintesi tra queste tre sfere dell’universo umano

Sartre per tutto il romanzo analizza solo il pensiero e l’esistenza: è invece totalmente assente qualsiasi fondamento etico, che possa risollevare Roquentin.

Il protagonista de “La nausea” non ha un’ideale per vivere.

Questa sarà poi l’unica ancora di salvezza secondo Sartre, che infatti successivamente scriverà in un suo saggio: “l’uomo è costantemente fuori di sé; solo progettandosi e perdendosi fuori di sé egli fa esistere l’uomo e , d’altra parte, solo perseguendo fini trascendenti”.

Ma nel suo racconto “Il muro” Sartre fa sfoggio di un umorismo tragico, che era totalmente assente nel suo primo capolavoro.

Qui il protagonista è un anarchico spagnolo, condannato a morte per le sue idee. Viene messo in una cella con altri due condannati e deve passare la notte più lunga della sua vita: all’alba lo fucileranno.

La luce entra da alcuni spiragli e da piccola apertura sul soffitto, da cui si può intuire uno squarcio di cielo. Ma non ha più nessuna evocazione dal cielo. Ha la morte nell’anima, ma non ha paura di soffrire.

Gli altri sono sempre l’inferno e la compassione lo disgusta. Oramai è preparato a morire perché passare tutta la notte ad aspettare la morte significa “vivere venti volte l’esecuzione”.

Nonostante questo il protagonista ritiene che morire sia la cosa meno naturale del mondo. Non ha nemmeno più ideali.

Dell’anarchia e della liberazione della Spagna non gli interessa più niente.

Al mattino però gli danno un’opportunità: deve scegliere se essere fucilato o dire dov’è il suo amico Gris.

Il protagonista sa che Griss si è nascosto in casa dei suoi cugini, ma nonostante questo preferisce morire.

E prima di morire ha una trovata comica. Vuole gabbare i soldati, dicendo che Griss si trova al cimitero.

Vuole immaginarsi la scena di quegli uomini in uniforme che corrono tra le tombe. Ma Gris ha abbandonato la casa dei cugini e si è rifugiato davvero al cimitero. Il protagonista ha salva la vita.

Mi viene naturale paragonare la notte insonne che passa il protagonista de “La nausea” in un albergo di commessi viaggiatori e questa notte terribile, che passa il protagonista de “Il muro”.

E’ questa la chiave di volta per capire il rovesciamento di prospettiva che Sartre attua in questo breve racconto

Ne “La nausea” il grande scrittore fa un’analisi minuziosa dei paradossi dell’esistenza, scrive una fenomenologia del disagio interiore. Il protagonista tuttavia ha libertà di scelta e d’azione.

Ne “Il muro” invece si trova di fronte al paradosso dei paradossi della vita: la morte che nullifica ogni scelta ed ogni malessere interiore.

Il filosofo Adorno a proposito dell’esistenzialismo scrisse che la scelta alla fin fine era tra crepare o crepare. E se per K. Jaspers l’uomo di fronte alla morte si può aggrappare alla fede, molto più difficoltoso è il rapporto con la finitezza e la precarietà dell’esistenza per un esistenzialista ateo come Sartre.

Ma viene in soccorso la trovata comica ed il protagonista si salva e ride dell’assurdità dell’esistenza e della morte. Sartre ne “Il muro” dà scacco matto alla nausea ed alla morte.

Davide Morelli

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE