fbpx

Il ritorno a Milano della Poesia de I Quaderni del Bardo

Arte, Cultura & Società

Pubblicato da:

alle ore: 10:53

Ecco un nuovo appuntamento milanese per la casa editrice I Quaderni del Bardo impegnata a promuovere il valore della poesia su tutto il territorio nazionale. Lo scorso 3 Novembre la casa editrice è stata impegnata presso la Casa delle Arti- Spazio Alda Merini a Milano per presentare la raccolta di poesie “IMPEGNO e DISINCANTO” di Annibale Gagliani. All’interno dell’evento c’è stata la partecipazione illustre di Paolo Dal Bon, presidente della Fondazione Gaber. Il 6 Novembre, invece, presso la libreria Popolare di Milano, Donato Di Poce ha presentato  il libro “ La “poesia dilata i confini. Omaggio a Tomaso Kemeny” di Donato Di Poce.

Questi eventi nascono dall’esigenza di diffondere il valore della poesia in mezzo alla gente, nei luoghi in cui ci si può immergere in letture e riflessioni che catturano la mente e l’attenzione della gente lontano dalla routine e dalla frenesia quotidiana.

Oggi pomeriggio alle ore 17 presso l’Ostello Bello sito in via Medici n° 4 a Milano ci sarà l’evento culturale intitolato Recitationes. Protagonisti saranno Nicola Manicardi con il suo atteso libro Non so edito da I Quaderni del Bardo Edizioni nella collana Zeta diretta da Nicola Vacca. A fare da relatrice un’ospite d’eccezione come Giuseppina Biondo e l’editore Stefano Donno

Ostello Bello e I Quaderni del Bardo Edizioni accoglieranno poeti, lettori e il pubblico della poesia con tanto entusiasmo. E’ inevitabile non rimanere impressionati dalla sensibilità che l’editore Stefano Donno ha sempre dimostrato nei confronti della poesia come forma artistica sublime e altamente espressiva.

Il libro “Non so” di Nicola Manicardi si compone di poesie riflessive e meditative che lasciano trasparire lo spirito di osservazione acuta e introspettiva di un poeta impegnato in un inedito percorso che lo sta portando verso l’origine. Nicola Manicardi è un ricercatore della verità e del mondo. Egli dichiara di essere costantemente in compagnia del suo taccuino. Egli scrive ogni giorno. E’ una sorta di diarista. I suoi versi catturano la realtà, la elaborano nella fabbrica del disgusto, la gettano in balia del mondo svestita e purificata. I suoi versi hanno il sapore dell’autenticità, di ciò che è. Al mondo che crea con la sua inedita poesia non è concesso non essere. “Scrivo cercando di raccontare il giorno/e finisco per esserne mangiato” dichiara apertamente il poeta Manicardi.

Mariangela Cutrone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube