fbpx

“Imperia sotto le stelle” con Alessandro Cardia

Cinema

Pubblicato da:

alle ore: 12:33

Alessandro Cardia, semifinalista di “Imperia sotto le stelle” che a soli 16 anni esprime il suo talento in un connubio di musica pop, melodica e rep. 

 

Raccontaci di te . Domanda di rito ma irrinunciabile: quando e come nasce il tuo amore per la musica?

“Ho sempre avuto un grande debole per la musica sin da bambino. Mio padre suona la chitarra ed è un audiofilo. Mio nonno suonava la tromba e negli anni 50 incise qualche 45 giri.”

Qual è la tua formazione musicale?


“Dopo aver vinto all’età di 14 anni un contest legato a Tu Si Que Vales in nave da crociera ,con la canzone Haleluia di Leonard Coen, sono andato a scuola di canto con metodo VMS di Loretta Martinez al “Punto Musica” di Dolianova e da lì ho partecipato alla finale nazionale della “Bella e La Voce” a Vietri sul mare. Cambiando scuola “S’agapò” di Cagliari, ho seguito e seguo lezioni di piano oltre che lezioni avanzate di canto. Sono stato ammesso al Camp Del Tour Music Fest di Mogol in Umbria entrando nella finale nazionale svoltasi a Roma. Ho partecipato al contest a Martina Franca vincendo tre premi, Partecipato a Sanremo Discovery a marzo 2021, All’EDM a Roma.
Sono stato chiamato per ben due volte ai casting di Amici di Maria De Filippi a Roma cantando davanti a Rudy Zerbi e Maestro Vessicchio.”


Quali sono gli artisti a cui ti sei ispirato e a cui ti ispiri ancora oggi?

“Ultimo, Diodato, Queen e artisti rep.”


Nel panorama dell’industria musicale attuale già riuscire a vivere di musica, facendo la differenza, è un miracolo e sappiamo quante siano le difficoltà. Cosa ti aspetti da questo contest ‘Imperia sotto le stelle’?


“Sicuramente un’esperienza di confronto con altri partecipanti, un modo per essere notato da personaggi del settore, imparare su errori di percorso e sicuramente il grande piacere di cantare davanti ad un vasto pubblico esprimendo il mio stato d’animo, sperando di trasmettere emozioni.”


Quali difficoltà incontri nel proporre la tua musica?


“”Sicuramente la timidezza di essere forse inferiore ai big, anche se i brani scritti da me a quanto pare piacciono molto, anche se non a tutti.”  


Come giudichi la musica italiana attuale?


“Una fabbrica di nuovi talenti che sanno dove fare breccia nell’anima della gente, quello che spero possa fare anch’io. Buoni testi con sound moderni.”  


La musica indipendente ha un futuro ancora?

“Non saprei, solitamente i veri talenti vengono presi di mira dalle grandi case discografiche che vorrebbero ri-arrangiare una musica magari fatta in casa con le tecnologie informatiche.”


Come nascono le tue canzoni? Qual è il processo creativo che c’è dietro?


“Senza ombra di dubbio dalle mie esperienze di vita, anche se ho solo 18 anni. Le traslo in note, poi compongo una base che più si addice al testo anche a seconda dello spirito delle parole.” 


Qual è il messaggio che attraverso la tua musica e le tue canzoni vuoi trasmettere al pubblico che ti segue o che ti scopre su queste pagine per la prima volta?


“Il mio stato d’animo, le mie esperienze, la gioia di far sorridere e di far sentire la gente agli altri in base al loro stato d’animo.” 

Redazione corriere nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube