fbpx

In Francia è testa a testa tra Macron e Melenchon. Astensionismo record al 52,3%

Mondo

Pubblicato da:

alle ore: 07:44

Nel primo turno delle legislative la coalizione di sinistra Nupes insidia Ensemble, che si ferma al 25,7%. Macron vede la maggioranza assoluta a forte rischio e invita il suo campo all'”umiltà”. Tutti i 15 ministri vanno al ballottaggio tra una settimana.

©  LUDOVIC MARIN / POOL / AFP –  Emmanuel Macron

 

AGI –  A quasi due mesi dalla rielezione di Emmanuel Macron, la maggioranza uscente sotto il simbolo ‘Ensemble!’ ha ottenuto il 25,75% dei voti, ovvero 21.442 voti in più rispetto ai Nupes (LFI, PCF, PS ed EELV) raccolti dietro a Jean-Luc Melenchon (25,66%), su 23,3 milioni di elettori.

Entrambe le parti hanno una settimana di tempo per scongiurare l’astensione dei francesi, che ha raggiunto un nuovo record al 52,49%, superando quello del 2017 (51,3%).

Macron mantiene il vantaggio nelle proiezioni dei 577 seggi dei deputati, con un range da 255 a 295 seggi, davanti ai Nupes (da 150 a 210), secondo gli istituti di sondaggi. La sua coalizione auspica di mantenere la maggioranza assoluta, fissata a 289 deputati, che gli permetterebbe di evitare di dover confrontarsi con altri gruppi per far adottare i testi dell’esecutivo, a cominciare dalla riforma delle pensioni che entrerà in vigore tra un anno.

elezioni legislative francia risultati macron
© CHRISTOPHE SIMON / AFP

Jean-Luc Melenchon 

” La verità è che il partito presidenziale è battuto e sconfitto”, ha detto il ribelle Jean-Luc Melenchon, che ha invitato il “popolo” a “insorgere domenica prossima” nelle cabine elettorali. Elisabeth Borne ha twittato in serata: “Di fronte all’estrema destra, sosterremo sempre candidati che rispettano i valori repubblicani. La nostra linea e’ non dare mai voce all’estrema destra”.

Come previsto, i candidati del Rassemblement National (18,68%) non sono riusciti a sfruttare lo slancio di Marine Le Pen che aveva raccolto oltre il 40% dei voti al secondo turno delle presidenziali. Confinati a otto eletti nel 2017, il contingente di deputati RN dovrebbe essere però questa volta molto più ampio, e contare ancora nelle sue file Le Pen, molto avanti nel suo collegio di Pas-de-Calais (53,96% ma non eletta per mancanza di elettori sufficienti). Nel duello tra Ensemble! e i Nupes, Le Pen ha esortato i suoi sostenitori a “non scegliere”.

Al contrario, sulla scia della pesante caduta della sua candidata alla presidenza Valerie Pe’cresse, i Repubblicani (10,42%) dovrebbero perdere il posto di primo gruppo di opposizione all’Assemblea nazionale e conteranno i loro sopravvissuti tra i cento deputati uscenti, sperando di sfruttare al meglio le loro radici locali. Sconfitto anche Eric Zemmour, uno dei protagonisti dell’ultima tornata delle elezioni presidenziali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube