fbpx

In Sudafrica l’ondata di Omicron si sta esaurendo

Mondo

In Sudafrica l’ondata di Omicron si sta esaurendo

Nell’ospedale dove la mutazione è stata individuata per la prima volta è stato registrato un forte calo delle ospedalizzazioni. La mortalità è stata quasi un quinto delle precedenti varia-

In Sudafrica l’ondata di Omicron si sta esaurendo

© Maxime Gruss / Hans Lucas / Hans Lucas via AFP

 
– Un ospedale Covid

AGI – I medici di una delle città in cui Omicron è stato identificato per la prima volta affermano che l’impennata causata dalla nuova variante è stata contrassegnata da una malattia meno grave rispetto alle prime ondate di pandemia e ci sono chiari segnali che i tassi di ricovero ospedaliero e di casi potrebbero diminuire nelle prossime settimane. Allo Steve Biko Academic Hospital nella città di Tshwane, i medici hanno confrontato 466 pazienti infetti ricoverati da metà novembre 2021 con 3.976 pazienti ricoverati prima di allora. Il tasso di mortalità durante l’impennata di Omicron è stato del 4,5%, rispetto al 21,3% nel periodo precedente, si legge nell’International Journal of Infectious Diseases, citato da Reuters.

I pazienti con Omicron sono stati dimessi dopo una media di 4 giorni, rispetto a 8,8 giorni per i pazienti con varianti precedenti. Al culmine dell’ondata di Omicron, il numero di letti occupati dai pazienti infetti era la metà di quello del periodo precedente e il 63% dei pazienti di Omicron è stato ricoverato in ospedale per altri motivi, con il virus rilevato solo dai test obbligatori.

L’epidemia di Omicron si è diffusa e si è ridotta… con una velocità senza precedenti, raggiungendo il picco entro quattro settimane”, sostengono i ricercatori che hanno sottolineato come i risultati possano variare in Paesi con caratteristiche della popolazione e livelli di immunità diversi da infezioni e vaccinazioni. Ma se il modello osservato in Sud Africa “continua e si ripete a livello globale… Omicron potrebbe essere un presagio della fine della fase epidemica” della crisi. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
YouTube