fbpx

Joachim Nagel è il nuovo capo della Bundesbank

Economia & Finanza

Pubblicato da:

alle ore: 20:22

È una delle prime nomine importanti del cancelliere socialdemocratico Olaf Scholz. È un economista, ha 55 anni, e conosce bene la banca centrale, avendoci lavorato per 17 anni-

© ARNE DEDERT / DPA / AFP 
– Joachim Nagel e Jeins Weidmann

AGI – L’economista tedesco Joachim Nagel è il nuovo capo della Bundesbank su proposta del governo di Olaf Scholz, che imbocca così una scelta di “continuità” per la massima istituzione finanziaria in un contesto di impennata dei prezzi.

È una delle prime nomine importanti del cancelliere socialdemocratico Olaf Scholz, che è da poco salito al potere a capo di una coalizione con i Verdi e i liberali della FDP. La sua candidatura è stata proposta dal governo per sostituire l’attuale presidente dimissionario Jens Weidmann, il quale lascerà il suo incarico il 31 dicembre prossimo. Nagel “è una figura esperta che assicurerà la continuità” alla Bundesbank, ha detto il ministro delle finanze Christian Lindner in un tweet.

In effetti Nagel, 55 anni, conosce bene la banca centrale, avendoci lavorato per 17 anni. Vicino al Partito Socialdemocratico (SPD), è visto come un candidato di compromesso per la “Buba”, così come viene chiamata la Banca centrale tedesca.

La nomina di Nagel arriva in un momento di tensione per la Bundesbank, mentre l’inflazione è salita in Germania a più del 5%, sopra la media della zona euro, e ben al di sopra dell’obiettivo del 2% della Banca Centrale Europea (BCE).

“Di fronte al rischio di inflazione, cresce l’importanza di una politica monetaria orientata alla stabilità”, ha twittato anche Lindner, leader del partito liberale e sostenitore dell’ortodossia fiscale e monetaria. In un paese ossessionato dalla stabilità dei prezzi, dove la Bundesbank una volta era venerata per la sua implacabile lotta contro l’inflazione, la politica più accomodante della Banca Centrale Europea non piace ad alcune persone.

Jens Weidmann, un membro influente del consiglio direttivo della Banca centrale europea, è stato regolarmente messo in minoranza negli ultimi tempi dalle “colombe” dell’istituzione, che sono riluttanti a stringere la vite del credito troppo rapidamente. Il suo mandato, il secondo dal 2011, in realtà scadeva nel 2027, ma a ottobre ha annunciato le sue dimissioni chiamando in causa motivi personali. Weidmann, un ex consigliere di Angela Merkel, ha spesso espresso il suo disagio con il generoso corso della Bce di acquistare grandi quantità di titoli di stato sul mercato per ridurre i costi di prestito dei paesi della zona euro, temendo che questo possa frenare la disciplina della politica di bilancio dei paesi più indebitati. (AGI)

Joachim Nagel ha un dottorato in economia presso l’Istituto di Tecnologia di Karlsruhe (Ovest) ed è un membro del Partito Socialdemocratico. È stato vice capo della divisione bancaria alla Banca dei Regolamenti Internazionali, l’organismo ombrello delle banche centrali del mondo, dal 2020, dopo aver trascorso la maggior parte della sua carriera alla Bundesbank. Durante il suo periodo alla Buba, fino al 2016, è stato responsabile delle operazioni di mercato e dell’informatica. Weidmann ha elogiato la sua “determinazione”, “capacità di comunicazione” e “conoscenza approfondita dei mercati finanziari” quando ha lasciato la banca centrale per entrare nel consiglio della banca statale di sviluppo KfW, incarico che ha detenuto per quattro anni. Il quotidiano economico “Handelsblatt” si riferisce a lui come “un sostenitore ordo-liberale dell’economia di mercato”.

In Joachim Nagel, ha commentato Carsten Brzeski, economista di ING, la Bundesbank ha guadagnato un successore “quasi naturale e formato internamente”, che dovrebbe “assumere la posizione del signor Weidmann come guardiano di una politica monetaria più conservatrice”.

Congratulandosi con Nagel, il presidente della Bce Christine Lagarde ha scritto un tweet in lingua tedesca nel quale rivela di sentirsi “impaziente di lavorare con un banchiere centrale così esperto nel Consiglio direttivo e di attuare il mandato della Bce”.


Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube