fbpx

La Bce non convince i mercati: in Europa partenza debole e negativa

Economia & Finanza

Pubblicato da:

alle ore: 05:27

Piazza Affari apre a -0,3%. L’euro perde quota sul dollaro. Corre lo spread. Pmi manifatturiero: giù sotto le attese in Francia e Germania.

AGI – La Bce che ieri ha rialzato i tassi oltre le attese non ha scaldato i mercati del Vecchio Continente, che sono partiti deboli e negativi, e anche la Borsa di Milano non ha fatto eccezione: ad inizio seduta l’Ftse Mib segnava il -0,31%. Il caos politico la rende però tra le più osservate piazze europee, e poco dopo l’inizio degli scambi ha ridotto le perdite ed e’ tornata positiva.

PUBBLICITÀ
La volatilità dei mercati è dovuta all’incertezza e ai timori per l’inflazione e la recessione sull’onda del rialzo dei tassi.

Se l’azionario sembra non aver sprint, lo spread invece ha ripreso a correre e dopo esser arrivato ieri quasi a quota 250, oggi viaggia sostenuto a 244,6 punti con il tasso di rendimento che sale al 3,620% e sorpassando lo spread della Grecia, inferiore di oltre 10 punti, a 235 punti. Sul fronte valutario, l’Euro dopo aver chiuso ieri a quota 1,0203 sul dollaro, e’ in leggero ribasso nei confronti del biglietto verde a quota 1,0188. Poco mosso sullo yen, a 140,48. Ieri la moneta unica aveva mostrato un forte rialzo nel giorno della Bce che ha rialzato i tassi dopo 11 anni ma i ‘paletti’ mossi dall’Eurotower nei confronti del nuovo strumento anti-frammentazione, il TPI, avevano indebolito la moneta europea verso il finale di seduta facendola scivolare in territorio negativo.

In calo l’indice Pmi manifatturiero francese e tedesco che a giugno cala a sorpresa sotto la soglia dei 50 che separa la contrazione dall’espansione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube