fbpx

La Fed alza i tassi di 75 punti base al 3-3,25%

Economia & Finanza

Written by:

La banca centrale Usa  annuncia anche ulteriori rialzi entro la fine dell’anno e rivisto le previsioni su inflazione e Pil.

di Gianluca Alliev

© MANDEL NGAN / AFP – Il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell

 

AGI – La Federal Reserve aumenta i tassi di interesse come previsto di 75 punti base, il presidente Jerome Powell ribadisce il ‘forte impegno’ a riportare l’inflazione all’obiettivo del 2%, ma intanto il quadro economico si sta deteriorando e per fine anno si prevede che il Pil crescerà di solo lo 0,2%, contro un +1,7% stimato a giugno.

Questo il quadro uscito dall’appuntamento del Fomc di settembre e dalla successiva conferenza stampa di Powell. Sui mercati dopo alcune oscillazioni nei due sensi Wall Street punta al ribasso, con il Dow Jones vicino al -1%, mentre il dollaro ha guadagnato contro l’euro, sceso a 0,9830, e i treasuries Usa a 2 anni hanno toccato rendimenti del 4,12% ai massimi da 15 anni.

L’aumento dei tassi di 0,75 punti percentuali è il terzo consecutivo e porta il tasso di riferimento al 3,0-3,25% e il Fomc ha dichiarato di “prevedere che aumenti continui saranno appropriati. L’inflazione rimane elevata, a causa degli squilibri della domanda e dell’offerta legati alla pandemia, all’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari e dell’energia e a pressioni piu’ ampie sui prezzi. La guerra della Russia contro l’Ucraina – spiega – sta causando enormi disagi umani ed economici. La guerra e gli eventi correlati stanno creando ulteriori pressioni al rialzo sull’inflazione e stanno pesando sull’attivita’ economica globale”.
La Federal Reserve ha tagliato le stime di crescita del Pil nel 2022, previsto pari allo 0,2%, dopo che a giugno la stima era del +1,7%. Il Pil nel 2023 e’ ora visto crescere del +1,2% e del +1,7% nel 2024, con un +1,8% nel 2025.

 

L’inflazione alla fine dell’anno è vista al 5,4%, ma in netto calo negli anni seguenti, al 2,8% nel 2023, al 2,3% nel 2024 e al 2% nel 2025. A giugno la Fed prevedeva un’inflazione a fine anno al 5,2%, al 2,6% nel 2023, al 2,2% nel 2024. Quanto alla disoccupazione a fine anno è prevista al  3,8%, contro il 3,7% stimato a giugno. La disoccupazione e’ vista salire al 4,4% nel 2023 e nel 2024, e al 4,5% nel 2025.
“Siamo fortemente impegnati a riportare l’inflazione all’obiettivo del 2% – ha detto Powell – la stabilita’ dei prezzi e’ nostra responsabilita’, senza di questa l’economia non funziona.  Il focus è per un’inflazione al 2% – ha ribadito – andremo avanti finche’ il lavoro non sara’ finito. E’ possibile che l’inflazione diventi radicata, l’alta inflazione crea problemi al potere d’acquisto”. “Nessuno sa se ci sara’ una recessione e quanto durerà – ha poi ammesso – nessuno sa dove sara’ l’economia tra un anno. Centrare un atterraggio morbido e’ difficile”.

;

“Il ritmo dei rialzi dipenderà dai dati e dalle previsioni sull’andamento dell’economia – ha aggiunto – a un certo punto diventerà appropriato rallentare il ritmo, nel frattempo avremo valutato l’effetto sull’ economia dei precedenti rialzi”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube