fbpx

La maledizione di Oetzi, la Mummia del Similaun

Attualità & Cronaca

Sono 6 le persone che, dopo aver avuto un qualsiasi contatto con la mummia, sono morte 

mummia oetzi 

AGI – Attorno a ‘Oetzi’, la Mummia del Similaun ritrovata il 19 settembre di 30 anni fa, c’è una sorta di maledizione. Sono 6 le persone che, dopo aver avuto un qualsiasi contatto con la mummia, sono morte.

Kranabetter notò uno strano ‘punto rosso’ nel corso d’acqua. Subito ha allertato i compagni. Giunti sul posto hanno subito riconosciuto l’identità. La salma, trasportata nella camera mortuaria del cimitero di Bad Hofgastein, venne riconosciuta dalla moglie Erika anche lei presente il giorno della storica scoperta sulle vette dell’Alto Adige.

La maledizione di Oetzi colpì sei persone. Konrad Spindler, l’archeologo dell’Università di Innsbruck che per primo aveva studiato Oetzi, era morto a soli 55 anni per una forma di sclerosi molto aggressiva. Prima di lui e prima dell’archeologo molecolare Tom Loy, trovato cadavere nella sua casa di Brisbane, altre quattro persone che avevano avuto a che fare direttamente con Oetzi, erano state colpite dalla maledizione, almeno secondo ai superstiziosi.

Una fama sinistra, quella dell’uomo di ghiaccio, che si avvia a fare concorrenza a quella di un’altra celebre mummia: Tutankhamon. Spindler era stato il primo a cogliere l’importanza della scoperta sulle Alpi e con il libro ‘L’uomo dei ghiacci’ aveva ottenuto fama mondiale con la vendita di oltre 600 mila copie.

Altri sono morti dopo aver ‘conosciuto’ la mummia. Rainer Henn era l’anatomopatologo che aveva materialmente spostato la mummia in occasione del ritrovamento e condotto i primi accertamenti sulla causa della morte. Henn, 64 anni, si schiantò con la sua vettura contro un’altra auto, un anno dopo la scoperta, mentre si recava a una conferenza scientifica dedicata, guarda caso, all’uomo di cinquemila anni fa. Kurt Fritz, 52 anni, guida alpina di professione, che accompagnò Henn ma anche il famoso alpinista altoatesino Reinhold Messner, sul Similaun, due anni dopo perse la vita cadendo nel crepaccio di un ghiacciaio. Un’altra vittima della maledizione, l’operatore della televisione di stato austriaca Orf, Rainer Hoelzl, ucciso a 47 anni da un tumore fulminante al cervello.

Aveva filmato le operazioni di recupero della mummia. Oggi Oetzi riposa in una cella frigorifera all’interno di un museo costruito per lui nel centro di Bolzano e meta di migliaia di turisti che ogni anno giungono da tutto il mondo, incuranti della maledizione. Tra le curiosità, Oetzi è più antico delle piramidi egizie e di Stonehenge, il giornalista viennese Karl Wendl arrivò al nome Oetzi ispirandosi al luogo di ritrovamento nelle Alpi Venoste, è una mummia lunga 154 centimetri dal peso di 13 chilogrammi, e sul corpo sono stati individuati 61 tatuaggi. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE