fbpx

La ‘Ndrangheta aveva assoldato sub dal Sudamerica per recuperare droga

Attualità & Cronaca

La cosca Molè impartiva ordini di gettare il carico di droga in mare dove sarebbe stato recuperato successivamente dai palombari  

 Due chimici e tre palombari sudamericani sono stati arrestati perché assoldati dalla cosca Molè della ‘Ndrangheta per recuperare droga in mare a Gioia Tauro. 

Secondo le indagini della Polizia di Reggio Calabria, il clan di ‘ndrangheta avrebbe, infatti, operato avvalendosi di una ramificazione internazionale, non solo per approvvigionarsi di ingenti quantitativi di cocaina, ma anche per il successivo recupero in mare dello stupefacente e per la sua lavorazione. In particolare, dalle intercettazioni è emerso che, quando sorgevano problemi per esfiltrare la cocaina dal porto, la cosca impartiva ordini di gettare il carico di droga in mare dove sarebbe stato recuperato successivamente dai palombari.

Secondo quanto rivelato dal direttore centrale anticrimine della Polizia di Stato, Francesco Messina, sono stati sequestrati due tesserini che permetterebbero di identificare due palombari come appartenenti alla Marina Militare peruviana.  


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE