fbpx

La Regione ringrazia il comandante uscente della Brigata alpina Julia, il generale Alberto Vezzoli

Attualità & Cronaca

UDINE – La Regione ringrazia, anche per l’impegno profuso durante la pandemia, il comandante uscente della Brigata alpina Julia, il generale Alberto Vezzoli, che con i suoi uomini

ha solo pochi mesi fa riportato a casa, a Venzone, la bandiera di guerra dell’8° Reggimento dall’Afghanistan. Lo saluta con un ‘mandi’ intriso di riconoscenza e dà il benvenuto al generale Fabio Majoli che potrà trovare in Friuli un popolo orgoglioso dei suoi alpini. 

E’ il messaggio che ha voluto portare l’assessore regionale alle Finanze a margine della cerimonia di avvicendamento nella caserma di Prampero a Udine, dove il generale Vezzoli ha passato il comando della Brigata Alpina Julia e della Multinational Land Force al parigrado Fabio Majoli. Nell’occasione, l’assessore  ha rimarcato il legame indissolubile tra il Friuli e la Julia.

Un legame fatto di identità, fratellanza, aiuto reciproco che rimane intatto nel tempo, anche se cambiano gli scenari, la
tecnologia, l’attività stessa della brigata secondo l’assessore regionale che non ha mancato di evidenziare i valori degli
alpini: la lealtà, lo spirito di sacrificio, il coraggio e la fedeltà alla bandiera, in tempi di pace e in tempi di guerra.

L’esponente della Regione ha espresso riconoscenza per quanto gli alpini hanno fatto per il Friuli e continuano a fare anche sugli scenari internazionali, come l’Afghanistan, operando sempre per il bene della popolazione locale.

All’evento hanno preso parte, fra gli altri, il presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, il sindaco e il
prefetto di Udine oltre alla Medaglia d’Oro al Valor Militare, Paola Del Din, e al generale di Corpo d’Armata Claudio Berto che è intervenuto portando il saluto a nome di tutti gli alpini in armi.

Vezzoli ha espresso soddisfazione e riconoscenza alla Brigata, vissuta in questi 2 anni e 9 mesi sempre alla massima velocità e consegnata in salute per essere pronta ad affrontare le sfide.

Quale simbolo del passaggio di comando, il generale Vezzoli ha ceduto al suo successore, la piccozza con l’emblema della Brigata alpini Julia. Majoli dal canto suo ha assicurato la propria determinazione nel fare tutto quanto possibile per meritare il grande privilegio che gli è stato riservato con l’odierno incarico. Agli alpini ha chiesto di continuare a dare il massimo, orgogliosi di indossare il cappello alpino e portarlo ovunque la Patria chiede loro di andare.
ARC/LP/ep 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE