fbpx

La tela di Tiziano ritrovata vale sette milioni di euro

Attualità & Cronaca

Written by:

Recuperato nell’Astigiano un ritratto che raffigura un gentiluomo con la barba rossa e un berretto nero sparito in Svizzera.

L’indagine ha avuto origine da una richiesta inoltrata nel 2020 all’Ufficio Esportazione di Torino da parte di una coppia di collezionisti piemontesi, che hanno dichiarato il rientro in Italia dalla Svizzera dell’opera d’arte per l’esecuzione di alcuni esami diagnostici.

I successivi accertamenti hanno dimostrato l’esportazione illecita della tavola dal territorio italiano, con il dipinto che è stato sequestrato a giugno del 2021 dai carabinieri, dopo un provvedimento della Procura di Torino giunto al termine di una complessa attività investigativa.

L’opera è stata quindi confiscata e in giornata, a Palazzo Chiablese, a Torino, sarà restituita allo Stato per essere studiata e nuovamente esposta al pubblico.

I carabinieri, in collaborazione con i funzionari della Soprintendenza di Torino, oltre a ricostruire la storia del prezioso dipinto, hanno documentato la violazione delle prescrizioni sull’esportazione dell’opera in assenza di autorizzazione, che è stata trasferita illecitamente dall’Italia alla Svizzera.

L’importante e recente riforma legislativa che ha introdotto il nuovo articolo 518 undecies del Codice Penale ha previsto, infatti, un forte inasprimento delle pene (la reclusione da 2 a 8 anni e la multa fino a 80 mila euro) per chi trasferisce all’estero beni culturali senza attestato di libera circolazione o licenza di esportazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube