fbpx

La variante Delta”raddoppia i rischi”

Attualità & Cronaca

Le persone infette dalla variante Delta hanno il doppio delle probabilità di essere ricoverate in ospedale per Covid-19 rispetto a quelle infette dalla variante Alpha: Sono queste le conclusioni di uno studio britannico pubblicato oggi. “La nostra analisi mostra che se non avessimo la vaccinazione, un’epidemia dovuta alla variante Delta comporterebbe un onere maggiore per il sistema sanitario rispetto a quello che provocherebbe la variante Alpha”, ha sottolineato Anne Presanis, coautrice dello studio. È già noto che la variante Delta, identificata per la prima volta in India, è circa dal 40% al 60% più trasmissibile rispetto alla variante Alpha, emersa nel Regno Unito alla fine del 2020. Ma sono ancora poche le informazioni disponibili sulla sua gravità, anche se i dati preliminari in Scozia e Singapore già suggerivano un aumento del rischio di ospedalizzazione e forme gravi di Covid con questa variante.

Gli autori dello studio pubblicato sulla rivista The Lancet Infectious Diseases hanno analizzato i dati di oltre 43.000 casi di Covid registrati in Inghilterra tra il 29 marzo e il 23 maggio, quando la variante Delta ha iniziato a diffondersi oltre Manica.

La percentuale di casi legati alla variante Alpha (confermata dal sequenziamento) è stata in media dell’80% nell’intero periodo (99,8% nella prima settimana, in calo al 34,8% nell’ultima), mentre il 20% era dovuto alla variante Delta. Tre quarti dei soggetti (74%) non erano vaccinati e un quarto (24%) aveva ricevuto solo una dose, con persone completamente vaccinate che rappresentavano solo l’1,8% delle infezioni. Il 2,3% dei casi Delta positivi è stato ricoverato entro due settimane dal test positivo, rispetto al 2,2% dei casi con variante Alpha.

Ma riformulando i dati per tenere conto di fattori noti per variare il rischio di forma grave di Covid (età, etnia, stato vaccinale), i ricercatori calcolano che il rischio di essere ricoverati in ospedale si moltiplica per 2,26 con il Variante Delta rispetto alla variante Alpha. I pazienti affetti dalla variante Delta erano notevolmente più giovani, con un’età media di 29 anni, contro i 31 anni della variante Alpha .9Colonne


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE