fbpx

“L’altra Italia” è non fare differenza fra Moncenisio e Roma Capitale : ogni centro abitato é degno di rispetto. Intervista al segretario nazionale Cosimo Damiano Cartelli

Politica

di Daniela Piesco

Il diritto di replica è quello che deve garantirsi in modo deontologicamente inoppugnabile a chi, ancora oggi e a distanza di anni ,viene associato ad avvenimenti passati ,ampiamente chiariti.

È il caso del movimento politico “L’Altra Italia”che è stato protagonista ,qualche mese fa ,della trasmissione televisiva ,Striscia la notizia con l’inchiesta ribattezzata “Candidopoli”(https://www.striscialanotizia.mediaset.it/news/candidopoli-l-inchiesta-sul-partito-l-altra-italia-si-allarga-e-arriva-in-liguria_10224.shtml)

Che cos’è ‘L’Altra Italia

Preliminare è bene evidenziare che L’Altra Italia è un partito politico che intende proporsi come momento di raccordo tra le forze vive e e sane che esistono nei partiti tradizionali e nella società civile per contribuire ad elaborare una credibile proposta di rinascita per il Paese che si trova alle prese con problemi di portata epocale.

Piuttosto L’Altra Italia vuole essere un movimento politico che da voce e speranza a quei milioni di italiani che nelle ultime elezioni non sono andati a votare per manifestare la propria sfiducia nei confronti di una politica che sta portando il Paese ai margini della scena europea e internazionale.

L’intervista .

1) Egregio Cosimo Damiano Cartelli entriamo subito nel vivo della situazione attuale .Lei è Il segretario nazionale de ‘l’Altra Italia’ con responsabili provinciali in ogni Regione d’ Italia, che dall’inizio della tornata elettorale è stato il protagonista di un fitto programma di conferenze stampa per la presentazione ufficiale in tutta la penisola dei propri rappresentanti.Perche’ aleggia ancora il sospetto sulla candidatura alle elezioni locali di persone ‘a loro insaputa’ con la falsificazione delle firme?

OGNI VOLTA CHE RICEVO UN AVVISO DI GARANZIA O UNA NOTIZIA INFORMALE SU INDAGINI DA PARTE DELLE PROCURE DELLA REPUBBLICA, MI RENDO CONTO DI AVER INTRAPRESO LA STRADA GIUSTA. EVIDENTEMENTE LA PRESENZA DI CANDIDATI DE L’ALTRA ITALIA DA FASTIDIO A QUALCUNO CHE, GRAZIE AD UNA TESSERA DEL PARTITO, E’ NATO SINDACO. MI SPEGO MEGLIO: SIN DALLA FONDAZIONE ABBIAMO LOTTATO E CONTINUIAMO A FARLO CONTRO LE MAFIE LOCALI.VI SONO COMUNI CHE DAL LONTANO 1946 SONO GOVERNATI DALLA STESSA FAMIGLIA. IL COMUNE, ANZICHE’ ESSERE LA CASA DI TUTTI, E’ DIVENTATO IL SALOTTO DI QUALCUNO. NEL 90% DEI CASI, AHIMÉ, I SINDACI IN QUESTIONE SONO TUTTI SINISTROSI O SINISTRATI, AMICI DI PUBBLICI MINISTERI RAPPRESENTANTI L’AREA DEMOCRATICA DEL CSM.

2) Spieghiamo meglio l’ideologia partitica:come partito di destra o meglio come Movimento Nazional Popolare in quali valori vi riconoscete?

INDISCUTIBILMENTE NEI VALORI CHE CI HANNO INSEGNATO I NOSTRI PADRI, DAL GRANDE ALMIRANTE ALL’INFINITO RAUTI. NOI NON SIAMO DI DESTRA O DI SINISTRA, SIAMO NAZIONAL POPOLARI, PER DIRLA CON RAUTI, SOCIALI, E A TRATTI NAZIONAL RIVOLUZIONARI. SIAMO COLLOCATI A DESTRA PER LA CONCEZIONE SPIRITUALE DELLA VITA E A SINISTRA PER IL CORPORATIVISMO E LA SOCIALIZZAZIONE. NATURALMENTE RIMANIAMO ANTI-COMUNISTI E CONTRO IL MOVIMENTO 5 STELLE. TRA I NOSTRI PUNTI SALIENTI C’E’ DA RICORDARE LA COSTITUZIONE DELLO STATO NAZIONALE DEL LAVORO ATTRAVERSO L’ALTERNATIVA CORPORATIVA, LA DIFESA DELLA VITA IN OGNI SUA FORMA, LA DIFESA DELLA FAMIGLIA TRADIZIONALE (UN BIMBO DEVE CRESCERE CON UN PADRE ED UNA MADRE), LA DIFESA DEI CONFINI NAZIONALI, LA DIFESA DELLA SOVRANITA’ NAZIONALE, LA DIFESA IN ITALIA ED IN EUROPA DELLE COMUNI RADICI CRISTIANE.

3)Quali sono i vostri obbiettivi politici ?

IL NOSTRO PRIMO OBIETTIVO POLITICO E’ RIPARTIRE DAI TERRITORI. CONSIGLI COMUNALI E CONSIGLI PROVINCIALI DEVONO ESSERE ALLA BASE DI OGNI PERCORSO POLITICO PER CHIUNQUE VOGLIA RAPPRESENTARE IL POPOLO ITALIANO IN SENO AL PARLAMENTO ITALIANO ED EUROPEO. IL PRIMO OBIETTIVO IN ASSOLUTO E’ LA DIFESA DELL’ITALIANITA’. DOVREMMO TORNARE, TUTTI INSIEME, OGNUNO CON LE PROPRIE SPECIFICITA’ E DIVERSITA’, A SENTIRE L’ITALIA COME LA MADRE CHE CI HA GENERATI. LA PATRIA DEVE ESSERE DIFESA IN OGNI DOVE E DA QUALSIVOGLIA ATTACCO ESTERNO. POTREMMO QUI APRIRE UN’AMPIA PARENTESI CIRCA L’IMMIGRAZIONE INCONTROLLATA. L’ITALIA, PER CIO’ CHE CI RIGUARDA, DOVREBBE GARANTIRE LA SOPRAVVIVENZA AI SOLI RIFUGIATI POLITICI E DI GUERRA, NON A TUTTI COLORO CHE ARRIVANO SULLE NOSTRE COSTE, GRAZIE ALLE ONG E SIMILI, PALESTRATI E SENZA NESSUNA VOGLIA DI LAVORARE. CHI NON SCAPPA DA GUERRE DOVREBBE ESSERE CACCIATO E REIMPATRIATO IMMEDIATAMENTE. L’ITALIA NON E’ E NON DEVE DIVENTARE IL RIFUGIO DEI PECCATORI.

4) Ai tempi della ‘querelle’ con Silvio Berlusconi che aveva scelto lo stesso nome (l’ Altra Italia) per la creazione di un nuovo partito, lei affermò:

Ci siamo già noi, siamo attivissimi, non ci fermeremo, abbiamo tantissime cose in programma per i prossimi mesi”.

Cosa è cambiato da allora e quanti passi in avanti sono stati fatti?

IN EFFETTI CHI HA FATTO MARCIA INDIETRO E’ STATO IL BUON CAVALIERE. NOI ABBIAMO CONTINUATO PER LA NOSTRA STRADA, LA STRADA DEI PADRI, SENZA INDIETREGGIARE DI UN SOLO PASSO. ABBIAMO PRESENTATO LISTE IN TUTTA ITALIA, SIAMO PRESENTI IN PIU’ DI 40 COMUNI. I NOSTRI CONSIGLIERI, SPESSO E VOLENTIERI, GARANTISCONO LE MAGGIORANZE CONSILIARI. SONO QUEL VALORE AGGIUNTO AD AMMINISTRAZIONI ANNICHILITE DA ANNI SU POSIZIONI ESCLUSIVE E NON INCLUSIVE. TANTE LE BATTAGLIE CONDOTTE DURANTE GLI ANNI, DAI RIFLETTORI ACCESI SU BIBBIANO ALLA DIFESA DELLA MEMORIA DELLE FOIBE, DAL PROBLEMA DELLO STALKING ALLA QUESTIONE DEGLI ESULI ISTRIANI, DALMATI E FIUMANI. TANTE SONO LE FEDERAZIONI CHE ABBIAMO SOTTOSCRITTO CON PICCOLI GRUPPI POLITICI E PARTITICI LOCALI. ANDIAMO SEMPRE AVANTI PER ANDARE OLTRE.

5)Piuttosto,in un altra intervista lei ha sostenuto che “Ognuno nel proprio letto può fare ciò che vuole, non vi è necessità alcuna che lo Stato sia garante. Siamo e dobbiamo rimanere tutti cittadini dello Stato.” Cosa ha da dichiarare alla luce del decreto Zan ?

L’ITALIA HA BEN ALTRI PROBLEMI: PIU’ DEL 30% DELLE FAMIGLIE ITALIANE VIVONO SOTTO IL TETTO MINIMO DI POVERTA’, I DIVERSAMENTE ABILI NON HANNO LE CURE NECESSARIE E SPESSO NON RIESCONO AD ARRIVARE A META’ DEL MESE, I NOSTRI PENSIONATI SONO ORMAI CARNE DA MACELLO, I GIOVANI NON HANNO LA SPERANZA NEL FUTURO, LE CASALINGHE SONO SPECIE IN VIA D’ESTINZIONE. QUESTI SONO SOLO ALCUNI DEI PROBLEMI CHE ATTANAGLIANO LO STATO E CHE LO STANNO PRENDENDO MALEDETTAMENTE PER LA GOLA, OLTRE ALLA GRAVE CRISI FINANZIARIA PEGGIORE DI QUELLA DEL 1929; FIGURIAMOCI SE UN PARLAMENTO DEVE PERDERE TEMPO PER GARANTIRE CIO’ CHE E’ GIA’ SANCITO DALLA COSTITUZIONE E DAL CORPO LEGISLATIVO ITALIANO. ZAN E GLI ALTRI SINISTROSI E SINISTRATI SI STANNO SOLO FACENDO PUBBLICITA’. CONCLUDO CHE OGNUNO, NELLA PROPRIA INTIMITA’ PUO’ FARE CIO’ CHE GLI PARE, SENZA LA NECESSITA’ DI SFOGGIARE IL PROPRIO ESSERE. LA LIBERTA’ DI CHICCHESSIA FINISCE DOVE COMINCIA LA LIBERTA’ DI UN ALTRO. ZAN & COMPANY STANNO INVADENDO LE LIBERTA’ DI MILIONI DI ITALIANI.

6) Crede che la coerenza politica latiti oggi in Italia ? E se si può rilasciare un commento su forza Italia, fratelli d’Italia e lega ?

LA COERENZA E’ UN VALORE INNATO IN TANTI ITALIANI. PURTROPPO, PERO’, I NOSTRI ELETTI PUR DI CONSERVARE LA POLTRONA SONO DIVENTATI COME BANDERUOLE. NOI RITENIAMO CHE LA COERENZA ALLA LUNGA PAGHI SEMPRE. TRA I NOSTRI SLOGAN: LE RADICI PROFONDE NON GELANO MAI! PER CIO’ CHE RIGUARDA FORZA ITALIA E IL CAVALIERE VORREI SPENDERE DUE PAROLE. AL CAVALIERE BISOGNA DARE ATTO CHE INSIEME ALL’ALLORA MSI ,AN, NEL LONTANO 1994, SALVARONO L’ITALIA NON DAL COMUNISMO, BENSI’ DAL BOLSCEVISMO. CON I TRE PARTITI MAGGIORI DEL CENTRO DESTRA, CON TUTTI GLI ALTRI CHE SI RICONOSCONO NEI VALORI DELLA DESTRA, CERTAMENTE, NONOSTANTE LE DIFFERENZE, POSSIAMO FARE UN PERCORSO PER RIPORTARE L’ITALIA FRA I PRIMI POSTI NEL MONDO. DICEVA ALMIRANTE: L’ EUROPA O VA A DESTRA O NON SI FA!!!!

7)Mi piace ricordare una sua frase ” La storia non si asfalta ma si recupera e si valorizza. ” Potrebbe motivarcela ?

ABBIAMO GIA’ DETTO CHE LE RADICI PROFONDE NON GELANO MAI. UN POLO SENZA STORIA E SENZA MEMORIA E’ SOLO UNA ACCOZZAGLIA DI INDIVIDUI SENZA IDENTITA’. L’ITALIA, NELLO SPECIFICO, E’ STATA LA CULLA DELLE CULTURE. A DIFFERENZA DI MILIONI DI EUROPEI CHE NON HANNO MEMORIA E STORIA L’ITALIA NE HA IN ABBONDANZA. NON ABBIAMO NECESSITA’ DI CANCELLARE O OCCULTARE LA STORIA. IN TANTI NEGLI ULTIMI ANNI HANNO CERCATO DI CANCELLARE, NELLO SPECIFICO, IL VENTENNIO. QUI E’ NECESSARIO APRIRE UNO SPACCATO SULLA STORIA. A CAVALLO TRA LE DUE GUERRE NACQUERO ALTRI REGIMI TOTALITARI, OLTRE A QUELLO MUSSOLINIANO IN ITALIA. IN POLONIA CI FU PILSUDSKI, IN FINLANDIA CIFU MANNERHEIM, IN SPAGNA FRANCISCO FRANCO E IN TURCHIA NACQUE LA DITTATURA LAICA DI KEMAL ATATURK. PER MEGLIO COMPRENDERE, IL MOMENTO INDICATO, RIMANDO TUTTI COLORO CHE VOGLIONO CANCELLARE QUELLA STORIA AD UNO SPLENDIDO TESTO SCRITTO DA GIORGIO AMENDOLA, PARTIGIANO E COMUNISTA: “INTERVISTA SULL’ANTIFASCISMO”.
PER DIRLA IN UNA PAROLA SE QUELLA PARTE POLITICA NON FOSSE INTERVENUTA IN ITALIA NEL 1922 E NON AVESSE VINTO IN SPAGNA NEL 1939, LA STORIA DEL MONDO SAREBBE STATA TOTALMENTE DIVERSA.
FU SCONGIURATA ALLORA L’AVANZATA DEL BOLSCEVISMO, E SOLO DIO SA QUALE IATTURA SAREBBE STATA!
NOI NON CHIEDIAMO AD ALCUNO GIUSTIFICAZIONI SUL PROPRIO PASSATO MA NESSUNO DEVE CHIEDERE A NOI DI CANCELLARE E RINNEGARE IL NOSTRO. IL FASCISMO, PERTANTO, ESPERIENZA IRRIPETIBILE, RIMANE PER TUTTI NOI UNA FONTE INESAURIBILE DI IDEE ED INNOVAZIONI
.

8) È notorio che L’Aquila sia la Regina dei cieli e che in diverse culture è associata al Sole, al sovrano, a Dio.Talvolta è anche, associata ai vari aspetti del potere imperiale come simbolo d’orgoglio e di oppressione. Come se diventasse la perversione del suo potere,un potere inflessibile e divorante. Ebbene la passione può consumare lo spirito?

L’AQUILA PRESENTE NEL NOSTRO SIMBOLO ALTRO NON E’ SE NON LA FIAMMA DEL VECCHIO MSI. PER NOI CHE ABBIAMO LA PASSIONE DELLA POLITICA, LO SPIRITO NON SI ANNIENTA. NON VERREMO MAI OFFUSCATI DAL POTERE. PERCORRIAMO QUESTA STRADA ORMAI DA DECENNI. LA NOSTRA PRIMA E GRANDE E VITTORIA E’ ESISTERE E NON APPARIRE. L’ALTRA ITALIA C’E’ ED E’ PRONTA A CONTINUARE LE SUE BATTAGLIE SU TUTTO IL TERRITORIO NAZIONALE, SENZA FARE DIFFERENZA FRA MONCENISIO E ROMA CAPITALE. OGNI CENTRO ABITATO E’ DEGNO DI RISPETTO, IN QUANTO DEPOSITARIO DI CULTURE E TRADIZIONI. LO SPIRITO CHE CI MUOVE E’ SEMPRE LO STESSO INDEFESSO DA DECENNI.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE