fbpx

Le grandi occasione per far conoscere la tua musica : Sanremo Discovery e Television Song Contest 2022

Eventi, Musica & Spettacolo

Intervista a Paolo Loggia

A cura di Daniela Piesco

Non è mai troppo tardi per essere apprezzati. Dopo il successo dell’anno scorso ritornano le vetrine promozionali discografiche e televisive per emergenti, ideate dal chitarrista Mario Greco, che hanno come scopo quello di sostenere la cultura musicale dei giovani impossibilitati ad emergere per mancanza di spazi e strutture.

Il Corriere Nazionale(www.corrierenazionale.net) è lieto di inaugurare un ciclo di interviste a tutti gli emergenti che saranno presenti agli Eventi E.D.M. ‘Sanremo Discovery ‘ e ‘Television Song Contest 2022 sotto la direzione artistica di Mario Greco al fine di dare spazio e voce ai giovani talenti italiani che hanno il coraggio di mettersi in gioco .

L’intervista

1)Partiamo dalla scintilla: quando nasce la tua passione per la musica?Se dovessi descrivere te stesso, cosa diresti?Quando hai cominciato a percepire te stesso come Artista?

La passione per la musica nasce fin da piccolo A sette anni avevo chiesto ai nonni una radiolina dove poter ascoltare musica e registrarmi. Il mio cavallo di battaglia era Sei bellissima della grande Loredana Bertè. Così ad ogni ospite che veniva a trovarci doveva prima sentirmi cantare e poi entrare a casa.

Mi sono sempre definito un’ anima irrequieta , amo progettare, comunicare con gli altri, strappare dei sorrisi amo tutto ciò che è sano , e genuino. Vivo di vibrazioni di energia.

Mi sono sempre sentito un ragazzo normale, non amo molto le etichette, ma mi è capitato soprattutto da piccolo di essere considerato diverso. Per fortuna i tempi sono cambiati ma il fatto che un bambino potesse ballare, cantare, , non veniva molto accettato. Per cui ho sempre trovato rifugio nell’ arte , nella musica, e nonostante tutto non ho mai smesso di guardare il mondo a colori; a trasformare in arte tutto ciò che le mie emozioni dettano.


2)Qual è il tuo sogno o aspirazione, cosa vuoi veramente?

Il mio sogno è quello di cantare la speranza, la semplicità l’ amore, di gridare al mondo che tutti siamo uguali, in cui tutti possono sentirsi liberi di esprimersi come meglio credono senza essere giudicati.

3)Come nasce una tua opera? Cos’è per te l’ispirazione?Qual è il messaggio implicito nelle tue canzoni, cosa vuoi trasmettere?

I miei lavori nascono da semplici improvvisazioni, piano e voce.
L’ ispirazione nasce da un momento, da attimi in cui sento la necessità di sfogarmi di dare voce all’ emozioni più recondite.
Nelle mie canzoni il messaggio è chiaro: Vivi come meglio credi, ama come meglio sai fare, non soffermarci all’ apparrenza ma andare oltre. In fondo ( la Vecchia imbellettata di Pirandello ci insegna tanto) bisogna andare oltre. Un’ altra cosa è trasmettere agli altri che nella vita il denaro non compra le emozioni.

4)Qual’é secondo te una band emergente che faremmo bene ad ascoltare?

Attualmente non saprei

5)Come descriveresti la piazza musicale italiana?

Penso che i tempi siano cambiati è che ci sia stata un ‘ evoluzione musicale notevole in questi ultimi tempi. Come ad esempio il trap. E l’ uso smisurato dell ‘ autotune.

6) Qual’é il tuo Cavallo di battaglia o meglio che genere di musica fai?

Non ho cavalli di battaglia ben definiti in quanto il mi obbiettivo è riuscire a suscitare un’ emozione in chi mi ascolta quindi qualsiasi canzone che mi emoziona la sperimento e la faccio mia indipendentemente dal genere. Però volendo definire un genere musicale che mi appartiene , è pop /soul.

7)Qual’é Il libro più bello che hai letto o quello che ti ha cambiato la vita o almeno modo di pensare?

La Camera Chiara di Roland Barthes. Dove ho avuto la possibilità di approfondire per la prima volta il concetto di punctum. Così come nella fotografia il punctum per me è un dettaglio, minimo che osservandolo mi suscita delle emozioni, e mi fanno sentire a casa.

8)Chi ti ha ispirato nella tua carriera?Quali sono i riferimenti artistici e culturali che ti hanno maggiormente influenzato nel corso del tempo?

I miei riferimenti artistici sono diversi. Sono cresciuto con la voce di Elisa, Giorgia, Ferro. Ma nel corso degli anni ho ascoltato tanta musica straniera.

9)Come pensi che un giovane artista possa oggi “districarsi” un all’interno del panorama musicale contemporaneo?Cosa pensi dei talent?

Credo che i live siano un’ ottima vetrina, così come i social : instagram youtube. Megafoni virtuali che danno la possibilità di arrivare al mondo e farsi conoscere.
I talent sono importanti per arrivare nell’ immediato al grande pubblico ma la cosa più difficile e arrivare alla gente e saper mantenere la notorietà che ti dà.

10)Progetti in cantiere?

Mi piacerebbe lavorare su un progetto discografico per la realizzazione di un mio cd.

Daniela Piesco


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YouTube