fbpx

Le religioni possono rendere crudeli, crudelissimi

Arte, Cultura & Società

E’ una crudeltà, infatti, una vera crudeltà, dire ad una donna, magari una ragazzina, che ha abortito per disperazione, per uscire da un incubo, che è uguale ad un assassino che assolda un sicario per commettere un omicidio.
 
Lo aveva già detto, papa Francesco, nell’ottobre del 2018, e adesso con sconcertante disinvoltura, quasi come se avesse avuto una geniale intuizione (il sicario!), lo ha ripetuto: «A chi non può capire farei questa domanda: è giusto uccidere una vita umana per risolvere un problema? È giusto assumere un sicario per uccidere una vita umana? Scientificamente è una vita umana. È giusto farla fuori per risolvere un problema?».
 
Al Papa sfugge che il “problema” come lui tranquillamente lo definisce, è qualcosa che sconvolge la vita di una donna, che pure è una vita umana, qualcosa d’insopportabile che la spinge ad abortire.
 
L’aborto alle volte è legittima difesa. Il linguaggio adoperato dal papa, come il solito quando affronta questo argomento, è improprio.

Renato Pierri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE