fbpx

Il Lecce ritrova la vittoria, 3 a 1 al Cosenza

Strefezza, Coda e Bjorkengren firmano il tris.

Sport & Motori

LECCE – Il Lecce ritrova la vittoria dopo tre pareggi consecutivi. I salentini battono 3 a 1 il Cosenza al Via del Mare e Lecce si portano al terzo posto in classifica, alle spalle di Brescia e Pisa. Mister Baroni ha schierato la squadra con il consueto 4-3-3, con Bleve in porta, Calabresi, Meccariello, Lucioni e Gallo in difesa, a centrocampo Bjorkengren, Blin e Majer e in avanti Strefezza, Coda e Di Mariano.

Primo tempo.

Il Lecce parte bene ed al minuto 5 si costruisce una bella occasione con Coda. L’attaccante campano, però, colpisce alto. Fino alla mezz’ora la partita è piuttosto spezzettata e fallosa (4 ammoniti in 30 minuti). Le chiare occasioni da gol sono poche. Ma 30’ un improvviso “lampo” di Strefezza porta al gol del vantaggio del Lecce. L’attaccante brasiliano realizza la sua quarta rete in campionato con un forte rasoterra dalla trequarti che batte il portiere del Cosenza Vigorito, ex della partita. Sei minuti Coda ha l’occasione per raddoppiare, ma il suo tiro – deviato da un difensore – viene respinto dal portiere avversario. Per il bomber giallorosso l’appuntamento con il gol è solo rinviato di pochi minuti. Al 47’ preciso cross in area di Calabresi e Coda questa volta non sbaglia e sigla il 2 a 0.

Secondo tempo.

La ripresa inizia subito con il terzo gol dei padroni di casa. Al 46’, Strefezza lancia in profondità verso Bjorkengren che, dopo il primo controllo, vince un rimballo col portiere calabrese e realizza il 3 a 0 per i salentini. La partita si mette decisamente vene per i giallorossi, che nel giro di 4 minuti colpiscono due pali: al 58’ con un colpo di testa in tutto di Di Mariano e al 62’ con Calabresi.

Il Cosenza prova a tornare in partita con la rete di Caso, abile a sfruttare un rimpallo fortunoso ed a battere l’incolpevole Bleve. La partita prosegue col Lecce che amministra la gara, senza correre ulteriori pericoli. Anzi, al 77’ è il neo entrato Rodriguez a sfiorare il poker, ma il suo tiro rasoterra termina di poco a lato del palo.
Dopo 4 minuti di recupero, il direttore di gara decreta la fine del match, una partita vinta agevolmente dagli uomini di Baroni.

Il Lecce ritrova la vittoria

Il Lecce ritrova la vittoria. Il tecnico Marco Baroni ha parlato in conferenza stampa al termine della partita.

Veniamo da un periodo nel quale la squadra sta crescendo dal punto di vista del gioco, abbiamo creato tante occasioni. Il 3-1 ci sta quasi stretto. In altre gare non siamo stati così determinati e attenti nelle zone di rifinitura. Siamo arrivati a questa partita con tante difficoltà e con diverse assenze. La cosa importante era la prestazione, senza cercare alibi. Per quello che stavamo facendo nelle ultime gare avevamo raccolto veramente poco”.

La squadra

Alcuni giocatori devono togliersi l’abitudine che hanno di giocare per sé stessi. Io prediligo il movimento piuttosto che la ricezione addosso del pallone. Calabresi? Per me è un modello di professionalità, è un giocatore che sta dando un contributo importante più in allenamento che in partita perché lo sto penalizzando con le scelte. Quello a cui voglio arrivare è questo, avere più alternative e più titolari perché questo ti permette di andare forte“.

“Voglio spendere parole importanti anche per Blin, mi è piaciuto molto, è un ragazzo straordinario nel gruppo e dà un contributo importante”.

Il gol del Cosenza

“Il gol subito? Un po’ mi girano le scatole, abbiamo regalato un gol e non deve accadere. Alcuni giocatori sono stati leggeri e abbiamo consegnato loro la palla, questo non deve avvenire. L’unico lato negativo è stato questo, non dobbiamo calare di attenzione”.

L’arbitro.

“C’è stato un ottimo arbitraggio, credo che il livello della classe arbitrale sia salito. La squadra deve restare nella prestazione e non deve mai lamentarsi, magari lo faccio io perché so cosa e come dirlo. A volte ci sono squadre come il Perugia che fa tanti falli e spezza tanto il gioco e questo per noi non è facile, ma dobbiamo abituarci anche a questo”.

LECCE-COSENZA 3-1

Marcatori: Strefezza 30′, Coda 46′, Bjorkengren 47, Caso 66′

LECCE: Bleve, Lucioni ©, Meccariello, Coda, Di Mariano (Listkowski 78′), Björkengren, Gallo, Strefezza (Rodriguez 62′), Blin (Hjulmand 90′), Calabresi, Majer (Barreca 90′). A disposizione: Gabriel, Vera, Paganini, Bjarnason, Gendrey, Vulturar, Listkowski, Barreca, Gonzalez, Hjulmand, Felici, Rodriguez. Allenatore: M. Baroni

COSENZA: Vigorito, Carraro, Regione, Giri, Caso (Pandolfi 77′), Anderson (Florenzi 62′), Tiritiello (Minelli 14′), Pirrello, Palmiero © (Gerbo 62′), Bittante (Corsi 62′), Situm. A disposizione: Saracco, Matosevic, Corsi, Panico, Pandolfi, Kristoffersen, Venturi, Millico, Vallocchia, Gerbo, Florenzi. Allenatore: M. Zaffaroni

Ammoniti: Blin, Meccariello, Gori, Minelli
Espulsi:
Arbitro: Alberto Santoro della sez. di Messina

Giuseppe Nuzzo

 

 

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE