fbpx

L’Etna si risveglia: “Niente di pericoloso” dichiara il vulcanologo dell’Ingv

Cronaca

“Quanto avvenuto ieri sul Vulcano rientra nel quadro di in un periodo caratterizzato di attività stromboliana da tutti i crateri sommitali, in particolare da quello di sud-est che in qualche fase può evolvere in quelle che comunemente vengono chiamate fontane di lava”, ha dichiarato il vulcanologo dell’Ingv di Catania, Mario Mattia. “Niente di drammatico e niente di pericoloso. L’Etna ci ha già abituato a queste cose, le ha fatte tante volte”, ha aggiunto.

Ieri, intorno alle ore 16, è iniziata l’attività dell’Etna con la frana di una piccola porzione del cratere. Dopo circa una decina di minuti una fontana di lava ha prodotto un “pennacchio” carico di cenere e lapilli che si è diretto verso i quadranti meridionali del vulcano in direzione di Catania, Nicolosi e Mascalucia raggiunti da lapilli di grandi dimensioni.

“Tutto questo  ha procurato disagio e paura così come, in particolare, la visione della colata lavica, dal cratere di sud-est e riversatasi sulla parete occidentale della Valle del Bove, ha generato maggiore apprensione perché ha dato a molti l’impressione di un qualcosa di vicino tanto da poter minacciare anche le zone abitate ma ovviamente non è così”, ha concluso il vulcanologo dell’Ingv.

redazione@corrierenazionale.net


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE