fbpx

L’eutanasia e l’inconsapevole crudeltà dei vescovi

Attualità & Cronaca

La vita a tutti i costi. Coloro che abbracciano questo principio, anziché il principio più saggio, più ragionevole della libertà della persona, rischiano di diventare crudeli senza rendersene conto. Così i vescovi italiani che hanno candidamente dichiarato: “Chiunque si trovi in condizioni di estrema sofferenza va aiutato a gestire il dolore, a superare l’angoscia e la disperazione, non a eliminare la propria vita.

Scegliere la morte è la sconfitta dell’umano… Non vi è espressione di compassione nell’aiutare a morire…». E se l’aiuto a gestire il dolore, a superare l’angoscia e la disperazione, non sortisce effetto alcuno, che cosa fanno vescovi compassionevoli? Se la persona continua ad invocare la morte, che cosa fanno i bravi vescovi?

Se la vita diventa un insopportabile tormento, che cosa fanno i vescovi, in che modo la rendono sopportabile? Parole vuote, senza senso.

Si noti che i vescovi, quando affrontano quest’argomento, citano il Magistero, ma non citano mai il vangelo. E questo perché non c’è una sola parola nel vangelo che possa far ritenere ingiusta l’eutanasia. Semmai è il contrario.

Per il Signore del vangelo non è tanto importante quanto si vive, ma come si vive: se nel bene o nel male. La vita, quella terrena, possiamo anche perderla (cf Mt 10,39), sacrificarla, “darla per gli amici” (cfr Gv 15, 13); necessario è non sprecarla.

Renato Pierri


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE