fbpx

L’ossido di grafene, promette miracoli in mille settori…

Ambiente & Salute

Sarà più importante della invenzione della plastica. Viene sperimentato oggi in mille settori. In pratica possiede la duttilità della plastica e la resistenza del diamante.

Si tratta di uno strato semplice, di particelle di carbonio. Uno spessore di 2 milionesimi di millimetro con impieghi futuri inimmaginabili. Tutto entusiasmante ma …. quando il pianeta ne sarà invaso, come è successo per la plastica, potrà essere smaltito o si accumulerà ?

Ci saranno batterie che durano il doppio o il triplo di quelle attuali, ci saranno conduttori o isolanti straordinari a seconda di come verrà trattato nei processi di attivazione , ci saranno impieghi in medicina ? Potrà trasportare dati personali, come un microcip? Gli impieghi si prospettano veramente di una varietà impressionante.

Il progresso avanza certo. Ma la direzione iniziale di civiltà evolute, prima del rendimento economico, dovrebbe riguardare lo smaltimento o il tempo di decadimento naturale, altrimenti il pianeta e lo stesso genere umano rischieranno la estinzione. Tale estinzione si trascinerà ogni traguardo che sia esso tecnologico o economico. Consideriamo la sua dispersibilità nei liquidi, falde acquifere comprese.

Adesso si è impiegato persino nei vaccini, era già stato inserito nelle soluzioni endovena usate in alcune terapie da tempo. Potenzialmente i suoi impieghi presume questo abbia la sua ragione di essere. Ma si sa le nanotecnologie hanno una sperimentazione oramai più che suffragata da una serie interminabile di impieghi e di campi di applicazione, quella medica è tra esse.

Potremo correggere insulina nei diabetici, o il colesterolo, potremo intervenire nelle malattie autoimmuni o nelle allergie chissà. Speriamo che tra qualche lustro non si debba limitarne l’uso per non morire di micro inquinamento. Troppo poca infatti è la letteratura che riguarda il suo smaltimento o il suo naturale decadimento nel tempo.

Dr. Sergio Incerrano 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE