fbpx

L’Ue vuole vietare i pagamenti in contanti oltre i 10 mila euro

Economia e Finanza

L’esecutivo europeo mira anche a dare “piena applicazione” delle norme anti-riciclaggio e anti-terrorismo al settore delle criptovalute, “obbligando tutti i fornitori di servizi a condurre una ‘due diligence’ sui propri clienti”

 

© PETER ENDIG / DPA-ZENTRALBILD / DPA PICTURE-ALLIANCE –

AGI – “I pagamenti in contanti di grandi dimensioni rappresentano per i criminali un modo semplice per riciclare denaro, poiché è molto difficile rilevare le transazioni” e per questo “la Commissione ha proposto un limite di 10 mila euro a livello Ue per i pagamenti in contanti di importo elevato”.

“Limitare i pagamenti di grandi dimensioni in contanti rende più difficile per i criminali riciclare denaro sporco”, è la speranza dell’esecutivo Ue, che introdurrà anche un divieto contro la possibilità di “fornire portafogli di criptovalute anonimi, così come i conti bancari anonimi sono già vietati dalle regole Ue”.

La proposta della Commissione comprende misure pensate per migliorare “il quadro normativo Ue esistente tenendo conto delle sfide nuove ed emergenti legate all’innovazione tecnologica”, come i problemi posti da “valute virtuali, flussi finanziari più integrati nel mercato unico e la natura globale delle organizzazioni terroristiche”.

Oltre alla creazione della nuova Autorità Ue anti-riciclaggio e al limite alla circolazione del contante fissato a pagamenti fino a 10 mila euro, l’esecutivo Ue ha proposto la creazione di un codice unico europeo per l’attività di anti-riciclaggio e il contrasto al finanziamento del terrorismo. Un quadro normativo comune con il quale Bruxelles vuole mettere in campo, ad esempio, “norme più dettagliate in materia di adeguata verifica della clientela, titolarità effettiva, poteri e compiti delle autorità di vigilanza e delle Unità di informazione finanziaria”.

“Verranno collegati i registri nazionali esistenti dei conti bancari, fornendo alle Unità di informazione finanziaria un accesso pià rapido alle informazioni sui conti bancari e sulle cassette di sicurezza“, si legge nel documento Ue. La Commissione fornirà inoltre alle autorità di contrasto dei crimini finanziari l’accesso a questo sistema, “accelerando le indagini finanziarie e il recupero dei proventi di reato nei casi transfrontalieri”.

L’esecutivo Ue mira anche a dare “piena applicazione” delle norme anti-riciclaggio e anti-terrorismo al settore delle criptovalute, “obbligando tutti i fornitori di servizi a condurre una ‘due diligence’ sui propri clienti”. “Il riciclaggio di denaro è un fenomeno globale che richiede una forte cooperazione internazionale”, si legge ancora nella nota che ricorda i sistemi esistenti di inclusione nella lista nera e grigia delle giurisdizioni che non collaborano ai fini del contrasto delle attività finanziarie illecite. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE