fbpx

Mapping agri-food chains. Overview of the mapping activity on a panel of agri-food chains

Agroalimentare & Enogastronomia

Al via il secondo talk tematico promosso da AGEA nell’ambito del progetto Criminal Focus Area per offrire una panoramica delle attività di mappatura su un panel di filiere agroalimentari potenzialmente compromesse da attività criminali 

Mercoledì 30 giugno 2021 dalle 10 alle 11.30 – live streaming

Continua l’impegno di AGEA nel progetto Criminal Focus Area, sviluppato sulla base del protocollo d’intesa sottoscritto con il Ministero dell’Interno per contrastare i fenomeni criminali connessi alle attività produttive.

“Mapping agri-food chains. Overview of the mapping activity on a panel of agri-food chains”, il titolo del secondo talk tematico volto a promuovere il progetto e ad offrire una panoramica di quelle filiere o segmenti di filiere agro-alimentari – carne bovina, suina, carne ovicaprina, latte, pomodoro – potenzialmente a rischio CFA.

“L’obiettivo di questa fase – spiegano dall’AGEA è individuare le interconnessioni tra le Regioni dell’intero territorio nazionale che ospitano segmenti delle filiere di produzione e i territori meno sviluppati presi in esame – Sicilia, Puglia, Basilicata, Campania, Basilicata – che potrebbero quindi essere condizionate dalla criminalità con un effetto fortemente inibente sulla libertà di iniziativa e sulla concorrenza”. 

A tale scopo sono stati presi in esame ed elaborati i dati sul territorio nazionale per identificare le filiere a carattere “interregionale” in cui si espletano parti di processi produttivi che vengono completati o governati dalle Regioni meno sviluppate e la conseguente selezione delle 5 filiere target.

Una rappresentazione dinamica ottenuta grazie all’utilizzo di un ambiente di lavoro informatizzato che ha permesso un’attività di data scouting, con un’integrazione di banche dati provenienti da diverse Amministrazioni, mantenendo coerenza tra le stesse.

A valle dell’identificazione delle filiere target è stata realizzata una mappatura logica delle filiere analizzate che rappresenta in veste grafica il flusso “logico” del bene lungo l’intera filiera, gli attori coinvolti e i principali snodi di processo.

Successivamente alla raccolta sono state condotte attività propedeutiche al relativo censimento all’interno di apposito ambiente di laboratorio prototipale e in strumenti di Business Intelligence a cui è seguita una fase di data cleaning per la rimozione di eventuali errori (rimozione di dati anomali, compilazione di valori mancanti e armonizzazione del set dati).

“Per ciascuna filiera target – continua AGEA – sono state predisposte apposite tabelle di analisi e mappatura consultabili in formato interattivo su uno strumento di business intelligence. Un ulteriore asset di cui possono avvalersi Amministrazioni e Organi di Controllo per contrastare la criminalità in ambito agricolo”.

Prossimi appuntamenti:

CFA Live Forum – Luglio


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE