fbpx

Medio oriente e Mediterraneo oltre le crisi

Attualità & Cronaca

Written by:

SE NE DISCUTE A ROMA

In Senato il convegno internazionale organizzato da CIPMO, “Medio Oriente. La regione dei destini incrociati”. Un’occasione di dibattito e confronto sul ruolo propulsore delle interdipendenze ambientali e economiche per favorire il dialogo e la cooperazione regionale.

Convegno internazionale
MEDIO ORIENTE. LA REGIONE DEI DESTINI INCROCIATI.
Giovedì 26 ottobre 2017, ore 9.30
Senato della Repubblica
Sala Zuccari | Palazzo Giustiniani
Via della Dogana Vecchia, 29, Roma

MILANO – Il Mediterraneo Centro-Orientale è teatro di numerosi focolai di crisi, che devono essere affrontati, gestiti e superati. Il management e lo sfruttamento delle risorse naturali, a partire dall’energia e dall’acqua, le questioni ambientali, l’innovazione tecnologica, la Blue Economy, rappresentano terreni concreti da cui partire per andare oltre i conflitti.

“Il quadro geopolitico del Medio Oriente è interessato da un pluralità di crisi che progressivamente interessa tutti i paesi della regione, portando al pettine i molti problemi irrisolti dell’ultimo secolo – spiega Nicola Pedde, Direttore del Institute of Global Studies (IGS) di Roma e della rivista Geopolitics of the Middle East – Una difficoltosa fase di sostituzione generazionale nella politica regionale ha determinato un arco di crisi che si estende dal Marocco all’Iran, facendo vacillare gli autoritarismi, aprendo il vaso di Pandora di un controverso settarismo e riportando in primo piano antiche quanto irrisolte dispute.”

Creare occasioni di cooperazione e integrazione diventa quindi fondamentale. Quali policy deve adottare e sviluppare l’Italia, insieme all’Europa, per giocare un ruolo chiave e favorire lo sviluppo di tali processi?

“Puntare sulle nuove risorse energetiche reperite nel Bacino Mediterraneo, sulla necessità di una gestione integrata dei grandi bacini idrici, sull’ambiente, sulla Blue Economy, sull’innovazione tecnologica come fattori di connessione naturale: questi sono terreni concreti da cui partire per andare oltre i conflitti – afferma Janiki Cingoli, Presidente CIPMO – ed è dalle società civili e, in primo luogo, dalle forze imprenditoriali e dalle organizzazioni culturali e scientifiche, oltre che dalle istituzioni nazionali e locali, che può e deve venire una spinta potente verso nuove modalità di cooperazione e di integrazione sia a livello intraregionale che con l’Italia e l’Europa”.

Il Convegno Internazionale “Medio Oriente. La regione dei destini incrociati” organizzato da CIPMO – Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente e sostenuto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – Direzione Generale Affari Politici e di Sicurezza, sarà un’occasione per far emergere suggerimenti, indicare buone pratiche, raccogliere esperienze per la individuazione di policy volte a costruire nuove interconnessioni economiche a livello di società civili. Al convegno, che si terrà giovedì 26 ottobre, dalle 9.30 in Senato, parteciperanno numerosi attori istituzionali, industriali e accademici che si susseguiranno nei due Panel “Risorse energetiche e sviluppo tecnologico: quale impulso per rafforzare le dinamiche cooperative della Regione?” e “Risorse naturali, nuove tecnologie e Blue Economy: Politiche per una accresciuta cooperazione intraregionale, con l’Italia e con l’Europa”.

PROGRAMMA: DOWNLOAD
ISCRIZIONE OBBLIGATORIA SU WWW.CIPMO.ORG

Per ulteriori informazioni:
Ufficio Stampa CIPMO
Jamila Abouri
comunicazione@cipmo.org

CIPMO – Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente
Corso Sempione, 32B – 20154 Milano
fax 02 866 200
www.cipmo.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci
Facebook
Twitter
Instagram
YouTube