fbpx

Monaco di Monte Carlo. Scopri la città più glamour di sempre

Mondo

Quando si parla di Monaco di Monte Carlo la mente va subito a vacanze da sogno, yacht principeschi, grattacieli lussuosi e serate sfavillanti al casinò in compagnia del jet set internazionale. La splendida località della Costa Azzurra, però offre molto altro da scoprire. Il Principato di Monaco è il secondo stato sovrano più piccolo al mondo, subito dopo il Vaticano. Eppure, la piccola città-stato è circondata da uno splendido paesaggio naturale, vanta una storia molto antica e un patrimonio culturale molto ricco.

La Città Vecchia

Monaco-Ville, ovvero la Città Vecchia, informalmente viene detta anche “La Rocher” ovvero la rocca. Questa zona rappresenta il nucleo più antico della città, fondata nel lontano 1215. Si sviluppa intorno a Port Hercule ed è visitabile comodamente a piedi. Si trova a 10 minuti di cammino dalla stazione ferroviaria di Monaco-Monte Carlo. Passeggiando per Monaco-Ville ci si inerpica in un dedalo di piccole vie e di scorci suggestivi. Si possono visitare molti piccoli negozi e si possono assaggiare i dolci squisiti delle eleganti pasticcerie locali.

Nella zona di Condamine, la mattina si tiene anche il tradizionale mercato delle erbe. Nel quartiere dei Moneghetti si passeggia tra ville storiche e parchi. Da non perdere la Cappella della Misericordia e la Cattedrale dell’Immacolata Concezione.

Quest’ultima, consacrata nel 1911, è una chiesa in marmo bianco in stile neo-romanico al centro del Principato. All’interno vi si trovano diverse opere d’arte di grande valore e le tombe dei sovrani monegaschi. Qui riposano insieme il Principe Ranieri III e la sua consorte, Grace Kelly.

Nella parte vecchia della città si trova anche il Museo Oceanografico, inaugurato nel 1910. A realizzarlo fu il principe Alberto I, oceanografo e abile navigatore, che voleva trasmettere a tutti i sudditi la sua grande passione per il mare. Il museo si estende su oltre 6.500 mq di esposizione e ospita oltre 6.000 specie marine differenti.

Qui si possono ammirare da vicino molti animali e vegetali, tipici del Mediterraneo e dei Tropici. Dal 1989, l’acquario ospita anche una barriera corallina viva e in espansione.

Casinò e dintorni

Un altro simbolo di Monaco è senza ombra di dubbio il suo casinò. Nel 1854 il principe Florestano I ha una grande intuizione e decide di legalizzare il gioco nel Principato. Due anni dopo Carlo III vara il progetto di un nuovo quartiere chiamato proprio “Monte Carlo” in suo onore. In questa zona sorgerà anche un casinò di lusso, che diventerà il centro della vita sociale di Monte Carlo. Questa scelta ha ancora oggi risvolti molto importanti per l’economia del principato. Il gioco è uno dei passatempi più amati al mondo. Lo dimostra il successo che oggi hanno piattaforme online come PokerStars Casino, e non solo.

Il gioco tradizionale però non tramonta, casinò come quello di Monaco di Monte Carlo restano delle vere e proprie icone del gioco tradizionale europeo. La roulette del casinò di Monte Carlo ancora oggi è una vera e propria istituzione per tanti appassionati e per tanti visitatori provenienti da ogni parte del globo. Il marmo, l’oro, il legno pregiato e gli stucchi delle sale incantano ogni ospite.  

Si può entrare nel casinò per giocare, e non solo. Si può scegliere anche di fare una visita guidata, o ci si può sedere al tavolo di un ristorante stellato per gustare piatti d’alta cucina. Per questione di privacy e di riservatezza non è possibile fare foto all’interno del casinò.

Per entrare è fondamentale avere documenti che attestino il raggiungimento della maggiore età (carta d’identità o passaporto). Bisogna inoltre fare molta attenzione al dress code: è possibile entrare in abiti casual, ma niente pantaloncini o infradito.

All’interno del complesso del Casinò si trova anche il Grand Théâtre di Monte Carlo, una copia in miniatura del teatro dell’Opera di Parigi. Questo teatro è la sede della Monte-Carlo Philharmonic Orchestra e de Les Ballets de Monte-Carlo. L’incanto Belle Époque di questi ambienti fa sognare a occhi aperti.

A passeggio per Monte-Carlo

Nonostante la superficie del principato sia molto ristretta, i monegaschi hanno sfruttato al meglio tutto il terreno di cui dispongono, creando degli splendidi giardini urbani. Uno di questi è il Jardin Japonais de Monaco, realizzato dall’architetto paesaggista Yasuo Beppu, secondo i principi della filosofia zen. Un altro luogo molto suggestivo è il Jardin Exotique de Monaco, inaugurato nel 1933. Qui si trovano piante provenienti da tutto il mondo, che regalano fioriture in ogni periodo dell’anno. Tanti gli esemplari di cactus e di succulente, per un’esposizione complessiva che si estende su circa 15.000 mq.

Muovendosi per la città si incontreranno tantissime boutique di lusso, gioiellerie e locali d’alta gastronomia. Si può gustare una cucina molto ricercata, frutto del raffinato incontro tra diverse tradizioni culinarie. Inoltre, Monte Carlo offre sempre un clima molto mite, nonché una lunga serie di eventi mondani in ogni stagione dell’anno.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
YouTube