fbpx

Morning bell: Cosa si aspettano i mercati

Economia & Finanza

Pubblicato da:

alle ore: 06:58

La paura dell’inflazione, della guerra e dell’aumento dei tassi torna a innervosire i mercati.

Wall Street

 

AGI – Dopo il rimbalzo di ieri, la paura dell’inflazione, della guerra e dell’aumento dei tassi torna a innervosire i mercati. In Asia i listini sono contrastati, mentre i future a Wall Street e in Europa arretrano e l’obbligazionario torna ad essere turbolento, in attesa di una settimana ‘calda’.

Nei prossimi giorni i principali market mover saranno i dati sull’inflazione Usa a maggio, in agenda per venerdì prossimo, la riunione della Bce di giovedì e, più in generale, le mosse delle banche centrali, che in questa fase decisamente piacciono poco ai mercati perche’ puntano a raffreddare i prezzi, rialzando aggressivamente i tassi.

Oltre alla Bce e, sullo sfondo, alla Fed, che ha già avviato le sue prime strette e ne prevede altre due a giugno e luglio di mezzo punto l’una, oggi la banca centrale australiana ha rialzato i tassi di mezzo punto percentuale, domani tocca a quella indiana e poi a quella polacca, pronte a rialzare anch’esse il costo del denaro.

Intanto nel Regno Unito Boris Johnson resta premier e supera lo scoglio del voto di fiducia, ma resta un”anatra zoppà, con il 40% dei parlamentari del suo partito che gli vota contro, una maggioranza ridotta all’osso e lo scandalo del Partygate che mina la sua credibilità di leader. A rendere poco stabile l’umore dei mercati c’e’ anche una crisi alimentare, che la la Fao e Wfp definiscono “imminente”, poiché, nonostante i tentativi di far ripartire i porti del Mar Nero, bloccati dalla guerra in Ucraina, la fame e il caro cibo “minacciano la stabilità” di oltre 50 Paesi poveri nel mondo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube