fbpx

Morning bell: cosa si aspettano i mercati

Economia & Finanza

Pubblicato da:

alle ore: 04:35

Le borse reagiscono con un misto di prudenza, cauto ottimismo e incertezza alla decisione della Fed di rialzare i tassi di tre quarti di punto, l’incremento più forte dal 1994-

© ANGELA WEISS / AFP

– Wall Street

I mercati stanno reagendo con un misto di prudenza, cauto ottimismo e incertezza alla decisione della Fed di rialzare i tassi di tre quarti di punto, l’incremento più forte dal 1994. “Le aspettative di inflazione stanno iniziando a sembrare troppo alte.

Mossa della Federal Reserve nel tentativo di domare l’inflazione galoppante. Il costo del denaro sale così in una forchetta fra l’1,50 e l’1,75%. Attesi tassi al 3,4% entro fine anno. Powell, “essenziale ridurre l’inflazione. Probabile rialzo 0,50-0,75% nel direttivo di luglio”

Questa è una delle ragioni per cui Powell ha voluto un rialzo di 75 punti base.

E penso che ci riproveranno anche luglio”, ha commentato Joseph Caruso, strategist della Commonwealth Bank of Australia. “Devono abbassare l’inflazione. E non è divertente sentirsi così indietro rispetto alla curva”.

I mercati non stanno reagendo male perché ritengono che da queste mosse aggressive della Fed per riportare l’inflazione sotto controllo a breve termine, l’economia possa trarne beneficio. La Federal Reserve ha tagliato all’1,7% le sue stime sulla crescita del Pil Usa quest’anno e il prossimo e gli analisti si aspettano che la banca centrale inizierà a ridurre i tassi nel 2024. Un simile scenario, per quanto incerto, appare più in sintonia con l’umore dei mercati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube