fbpx

Morto il principe Filippo, 73 anni al fianco di Elisabetta

Estero

E’ morto due mesi prima di compiere 100 anni, dopo averne passati oltre 70 al fianco di una delle donne piu’ potenti e rispettate al mondo: il principe Filippo, duca di Edimburgo, si e’ spento al castello di Windsor. Ad annunciare “la morte dell’amato marito” e’ stata la regina Elisabetta, con una nota di Buckingham Palace. Messaggi di cordoglio sono arrivati da leader e reali di tutto il mondo, celebrando il suo “senso del dovere”, il suo “spirito di servizio” di ‘public servant’, i suoi “grandi principi”. Il premier britannico Boris Johnson e’ apparso in tv da Downing Street rendendo omaggio a colui che e’ stato il “saldo sostegno” della monarca, “la sua forza per oltre 70 anni”. “Il principe Filippo si e’ guadagnato l’affetto di generazioni qui nel Regno Unito, nel Commonwealth e in tutto il mondo”, ha aggiunto. “Marito devoto, padre, nonno e bisnonno orgoglioso”, “ha aiutato a guidare la famiglia reale e la monarchia in modo che rimanga un’istituzione indiscutibilmente vitale per l’equilibrio e la felicita’ della nostra vita nazionale”. La salute del duca di Edimburgo vacillava negli ultimi tempi: il 16 marzo era stato dimesso dall’ospedale dopo un ricovero di quasi un mese; il Paese aveva seguito con il fiato sospeso la sua degenza causata da un’infezione e il successivo intervento al cuore per una condizione pre-esistente. Uscito, era tornato al castello di Windsor, li’ dove ha passato la maggior parte del tempo negli ultimi dodici mesi, in isolamento, a causa dell’epidemia di coronavirus.

 Il principe Filippo, che “e’ morto in pace, al castello di Windsor”, come dice il comunicato di Buckingham Palace, sara’ sepolto a Frogmore Gardens, un parco caro a lui e Elisabetta, che vi ha sempre portato a passeggio i suoi adoratissimi corgi. La funzione funebre sara’ celebrata nella Saint George Chapel del castello di Windsor, dove hanno partecipato insieme a centinaia di celebrazioni in ogni domenica della loro vita, per oltre 70 anni, fedelissimi all’appuntamento con il Signore. Anche questa volta la predica sara’ breve, come ha chiesto nel testamento il principe Filippo, che, per sposare Elisabetta, rinuncio’ alle sue pretese al trono greco e danese e si naturalizzo’ britannico lasciandosi alle spalle la religione greco-ortodossa per diventare anglicano.

Il lutto sara’ segnato da otto giorni nei quali si fermera’ tutta l’attivita’ legislativa perche’ la Regina non dara’ piu’ il suo assenso alle leggi. E da ulteriori trenta giorni di lutto in cui le bandiere nel Paese saranno a mezz’asta, gli anchormen televisivi vestiranno di nero, i parlamentari indosseranno una fascia nera al braccio.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE