fbpx

“Muoversi”: un diritto spesso dimenticato per i piccoli disabili

Attualità & Cronaca

Ci sono volute la tenacia e la determinazione della Sottosegretario Vezzali perché in qualche modo l’attività motoria entrasse di diritto nell’alveo delle discipline obbligatorie che accompagnano la crescita dei nostri figli che frequentano le classi elementari.

In età scolare primaria ai dati ISTAT del 2021 sono presenti 3.188.884 alunni dai 6 agli 11 anni; il dato dei bambini in stato di disabilità e in dsa, che necessitano di una forma di assistenza nel percorso formativo e di crescita è di circa 3.200 alunni (4%) ma gli insegnanti di sostegno non coprono l’intero fabbisogno in quanto in numero inferiore a quello necessario.

Proprio partendo da questo gap tra bisogni attesi dei bambini in stato di necessità e servizi offerti che il Comitato Scientifico della Fondazione Dc Fiorentino Sullo presieduto dal Prof. Antonino Giannone, con il Gruppo di Lavoro sul volontariato- terzo settore- disabilità, ha lavorato al progetto fin da maggio 2020, all’indomani della prima istituzione della didattica a distanza DAD, ad un progetto di contrasto alla dispersione scolastica attraverso un modello integrato di sport, cultura e vita che avesse come focus i bisogni di mobilità e sport dei bambini, per il diritto ad una crescita piena e che contemplasse “l’insegnante di sostegno alle attività motorie”, che costituisce la vera importante novità nel panorama delle specializzazioni dei formatori ma anche un chiaro ed univoco segno di solidarietà.

Il percorso di studio ha incontrato il favore dell’Università dello Sport e delle Scienze motorie Foro Italico di Roma, per l’attivazione di una prima sessione di Master di I° livello per laureati in Scienze motorie e/o già insegnanti, che ha come obiettivo di formare una classe di persone fortemente motivate e professionalizzate per l’assistenza ai bambini con particolari necessità in età scolare.

L’auspicio è che lo sforzo prodotto insieme all’amica dott.ssa Francesca Romana Ripani e ad altri amici nel Comitato Scientifico trovi una concreta attuazione nelle azioni di Governo, già nella legge di Bilancio 2022, in modo tale che per la prossima primavera, i nostri giovanissimi alunni trovino accanto a loro un “sostegno alla mobilità” che non li faccia più sentire in panchina a guardare gli altri della classe che stanno in palestra a fare sport.

Dott.ssa Elisabetta Caponi Campus

Coordinatore del G.d.L. “Volontariato” del Comitato Scientifico e Responsabile “giustizia e pace”, Commissione regionale Lazio della Pastorale sociale CEI


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE