fbpx

Myanmar. “Perdonato e liberato” il giornalista statunitense Danny Fenster. Era stato condannato ad 11 anni di carcere

Mondo

Il giornalista statunitense Danny Fenster è stato scarcerato in Myanmar dopo essere stato condannato a 11 anni di carcere da un tribunale militare tre giorni fa.

È stato “perdonato” prima di essere liberato per “motivi umanitari”, ha detto il governo militare.

Il rilascio è stato assicurato dopo i negoziati tra la giunta e l’ex ambasciatore degli Stati Uniti all’ONU, Bill Richardson.

Il datore di lavoro di Fenster, Frontier Myanmar, ha detto che era su un volo in partenza dal Myanmar.

Fenster, che era caporedattore del sito di notizie in lingua inglese, era stato condannato per violazione della legge sull’immigrazione, associazione illegale e incoraggiamento al dissenso contro i militari.

Martedì dovrebbe essere processato per ulteriori accuse di sedizione e terrorismo, che comportano una possibile condanna all’ergastolo.

Fenster è stato arrestato per la prima volta a maggio mentre stava per tornare negli Stati Uniti e ha trascorso 176 giorni in prigione.

È uno delle dozzine di giornalisti, e migliaia di persone in generale, che si terranno da quando l’esercito birmano ha preso il potere con un colpo di stato a febbraio.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato che Fenster è stato “indebitamente detenuto per quasi sei mesi” e ha accolto con favore il suo rilascio.

“Siamo lieti che Danny si riunirà presto con la sua famiglia, mentre continuiamo a chiedere il rilascio di altri che rimangono ingiustamente imprigionati” in Myanmar, ha affermato Blinken.

Maj-Gen Zaw Min Tun, vice ministro dell’informazione del Myanmar, ha affermato che il paese “aveva già intenzione di rilasciare” Fenster e lo stava facendo per “motivi umanitari”.

Ha negato che gli Stati Uniti avessero promesso qualcosa in cambio del rilascio, affermando che era politica del Myanmar “mantenere buoni rapporti con altri paesi”.

Secondo Frontier, Fenster aveva precedentemente lavorato per Myanmar Now, un sito di notizie indipendente che è stato critico nei confronti dei militari.

“Le accuse si basavano tutte sull’accusa che stava lavorando per un mezzo di comunicazione vietato Myanmar Now. Danny si era dimesso da Myanmar Now nel luglio 2020 e si era unito a Frontier il mese successivo, quindi al momento del suo arresto nel maggio 2021 aveva lavorato con Frontier per più di nove mesi”, ha affermato in precedenza il sito di notizie.

Era stato arrestato mentre stava per imbarcarsi su un volo di ritorno negli Stati Uniti a maggio, sebbene non avesse commesso alcun crimine evidente.

È stato accusato di reati relativi a una testata giornalistica che aveva lasciato quasi un anno prima, un errore evidente segnalato dai suoi avvocati in tribunale.

È stato escluso da un’amnistia di oltre 5.000 prigionieri il mese scorso, e la scorsa settimana non solo è stato condannato e condannato a 11 anni di carcere, ma ha avuto due accuse più gravi contro di lui.

Il suo rilascio improvviso segue mesi di pressioni tranquille da parte dell’amministrazione Biden e una recente visita in Myanmar di Bill Richardson. Non è chiaro, tuttavia, se gli Stati Uniti abbiano fatto concessioni per ottenere l’uscita di Fenster.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE