fbpx

Nella “riffa” dei collegi gli elettori non contano nulla

Politica

Pubblicato da:

alle ore: 17:51

Per cercare di vincere le elezioni con un quorum che garantisca la maggioranza assoluta in parlamento, i partiti si vedono costretti a mettere in campo coalizioni che a volte vedono insieme soggetti che poco hanno da esprimere unitariamente, malgrado i soliti programmi fatti da centinaia di pagine che nessuno leggerà. di Roberto Caputo

La pessima legge elettorale, il famigerato “rosatellum”, che finora non è mai stata in grado di garantire una maggioranza di governo il giorno dello spoglio delle urne, ma anzi ha portato alla creazione di strane e contraddittorie maggioranze, purtroppo anche questa volta terrà lontano gli elettori che, proprio a causa di questa legge, infatti non vengono coinvolti. Per cercare di vincere le elezioni con un quorum che garantisca la maggioranza assoluta in parlamento, i partiti si vedono costretti a mettere in campo coalizioni che a volte vedono insieme soggetti che poco hanno da esprimere unitariamente, malgrado i soliti programmi fatti da centinaia di pagine che nessuno leggerà.Sia il centrodestra che il centrosinistra ancora oggi, a due mesi dal voto, non sono in grado di mettere in campo una proposta credibile ed esaustiva. Ed allora l’elettore si vedrà costretto a votare nel collegio un candidato, sicuramente espressione della coalizione ma non appartenente ad un partito che l’elettore avrebbe scelto. Anche per quanto riguarda la porzione proporzionale la scelta per l’elettore è obbligata.  I nomi vengono decisi dalle segreterie dei partiti e l’elettore non ha nessuna possibilità di esprimere una preferenza per inviare in parlamento un rappresentante di cui ha fiducia.E’ molto difficile, visto il poco tempo a disposizione ed il periodo estivo, che si possa dar vita a nuove espressioni politiche. L’astensione, in tutte le competizioni, è sempre più alta e rischia di diventare il partito di maggioranza. Con questa legge elettorale i cittadini saranno sempre più lontani dal Palazzo e si sentiranno sempre più esclusi dalle scelte di indirizzo e di governo. E poi manca il sogno.

Roberto Caputo 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube