fbpx

New York – La Cucina ai Tempi di Dante

Arte, Cultura & Società

L’’eredità di Dante Alighieri (1265–1321) e` stata commemorata il 14 settembre, data nel 1321 della sua morte, con due grandi eventi a New York, continuando le celebrazioni del  Dante 700.

La Ridedicazione della Statua di Dante e Il Comitato Italiano per il Patrimonio e la Cultura di New York, Inc. Presenta La Cucina ai Tempi di Dante.

Il sole ha brillato intensamente sull’immagine di Dante al Lincoln Center di New York City per la ridedicazione della scultura in bronzo conservata di dimensioni piu` grande della vita di Ettore Ximenes, raffigurante il grande poeta e filosofo, autore della Divina Commedia.

La scultura è alta più di 25 piedi, una figura imponente che si addice a Dante e il suo contributo  monumentale all’umanità.

 

Il Commissario per i Parchi di Manhattan William Castro ha ospitato la Ridedicazione del Monumento Dante Alighieri recentemente conservato nel centenario della dedicazione iniziale della Statua di Dante nel Parco Dante, ribattezzato per lui quel giorno nel 1921, finanziato da Carlo Barsotti, editore de Il Progresso Italo-Americano, e gli italoamericani di New York, che quell’anno hanno commemorato il 600° anniversario della morte del poeta epico. La ridedicazione del 2021 segna anche il 700° anniversario della morte di Dante. In evidenza c’era il lavoro qualificato del personale di conservazione dei parchi di New York, degli apprendisti e del City Cleanup Corps.

 

Il programma incluso funzionari della città, il Console Generale d’Italia Fabrizio Di Michele, studiosi di Dante, e studenti dalla Scuola

d’Italia. Fondatore e Presidente dell’Istituto per L’Esperienza Italoamericano e  IHCC-NY membro del consiglio Uff. Mico Delianova

Licastro ha letto i commenti di Hon. Michele De Pascale, sindaco di Ravenna, città dell’esilio e tomba di Dante. Il Presidente

dell’IHCC-NY Comm. Joseph Sciame e i membri del consiglio di amministrazione Nancy Indelicato e Cav. Josephine Maietta erano

ospiti.

 

Emozione nell’aria è seguita, la sera del 14 settembre, presso il classico ed elegante ristorante Il Gattopardo di New York City come IHCC-NY, in collaborazione con l’Accademia Italiana della Cucina ha ospitato un grande, unico cena storica per i suoi soci e ospiti, La Cucina Ai Tempi di Dante. Il menu rispecchiava una festa culinaria medievale, tra cui carni, cereali antichi, verdure selvatiche, frutta e verdura, privo di pomodori non ancora introdotti in Europa, e le UOVA preferite da Dante!

 

La cena è stata suggerita e coordinata dal Cav. Dott, Berardo Paradiso, membro del consiglio di amministrazione dell’IHCC-NY, presidente dell’Italian American Committee on Education e presidente della sezione SoHo dell’Accademia Italiana della Cucina, che si riunisce mensilmente per recensire un ristorante e sostenere gli elevati standard della cucina italiana.

 

Cav. Dott. Paradiso ha guidato gli ospiti attraverso la storia del tempo di Dante e i cibi e i vini che rievocativa l’epoca. Co-organizzatore IHCC Presidente Comm. Joseph Sciame, ha presentato il primo manifesto ufficiale a tema Dante al Ministro Fabrizio Di Michele, il quale ha tenuto un discorso sull’importanza di Dante. Ospiti d’onore erano il Console Generale Fabrizio Di Michele; Vice Console Generale Cesare Bieller; e il Professor Fabio Finotti, Direttore, Istituto Italiano di Cultura di New York.

 

Il professor Finotti ha sottolineato l’universalità della lingua italiana da parte di Dante e il suo essere fautore dell’uguaglianza dell’uomo. Professore Cav. Anthony J. Tamburri, Ph.D., Presidente, Societa`Dante Alighieri a New York, e membro del Consiglio Onorario dell’IHCC-NY, ha notato la dedizione americana agli studi danteschi, citando la traduzione di John Ciardi della Divina Commedia e gli scritti di Joseph Tusiani su Dante.

 

Presidente Comm. Joseph Sciame commentando il successo dell’evento ha dichiarato: “La nostra cena in riconoscimento del 700° anniversario della scomparsa di Dante ha superato di gran lunga le nostre aspettative, sia in presenza che come grande tributo a un uomo che è cambiato così tanto per il linguaggio nel suo senso più ampio per il mondo .” Cav. Dott. Berardo Paradiso ha dichiarato: “I corsi presentati dallo chef italiano Vito Gnazzo a Il Gattopardo sono stati studiati e pianificati con cura per soddisfare i desideri del consiglio di ricordare gli anni di Dante, e ce l’abbiamo fatta!” “Grazie anche per l’assistenza del direttore del ristorante Gianfranco Sorrentino.”

 

Ogni ospite ha ricevuto un poster Dante, disegnato dallo studente di architettura del Politecnico di Milano, Michele Giampaolo; il poster del 45° anniversario dell’IHCC-NY, disegnato dallo stampatore Luciano Di Rico; e il segnalibro commemorativo della vita e citazioni famosi di Dante, scritto da Nancy Indelicato, membro del consiglio di amministrazione di IHCC-NY.

 

Monumenti, cerimonie, cucina… come la lingua di Dante… tramandano la cultura di generazione in generazione creando così la propria storia. L’IHCC-NY rimane fedele alla sua missione di preservare, promuovere e presentare la cultura e il patrimonio italiano… anche durante la pandemia e oltre. Il Presidente Comm. Sciame continua il suo ruolo fondamentale nel guidare l’IHCC-NY verso standard ancora più elevati di rappresentazione della cultura italiana.

 

Dante è stato davvero brillante in questo giorno, come sempre.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE