fbpx

Ora anche la poliomielite minaccia l’Ucraina

Mondo

Pubblicato da:

alle ore: 02:19

L’invasione russa ha interrotto in modo significativo le vaccinazioni di routine e la risposta all’epidemia.

© SAKIS MITROLIDIS / AFP – Ucraina, bambini profughi

AGI – L’ultima minaccia al popolo ucraino è rappresentata dal ritorno della poliomielite, con il poliovirus vaccino-derivati circolanti (cVDPV), che è considerata una malattia estremamente pericolosa che causa tra l’altro la paralisi nei bambini. La situazione è stata esacerbata dalla pandemia di Covid-19, dalla guerra nell’Ucraina orientale e dalle riforme sanitarie in corso, hanno spiegato gli scienziati ucraini alla riunione annuale dell’American Society for Microbiology.

Il 6 ottobre 2021 è stato confermato un caso di poliomielite paralitica in un bambino di 1,5 anni dell’Ucraina occidentale con una diffusione del poliovirus geneticamente simile a un campione ambientale di Dushanbe, in Tagikistan. Da gennaio 2022, 19 casi di poliomielite paralitica sono stati confermati nell’Ucraina occidentale, portando alla dichiarazione di emergenza sanitaria nelle province di Rivne e Zakarpattia.

“L’invasione della Federazione Russa in Ucraina il 24 febbraio 2022 ha provocato migliaia di vittime, territori occupati, milioni di rifugiati e sfollati interni. Tutto ciò ha interrotto l’accesso alle cure mediche, ha interrotto in modo significativo le vaccinazioni di routine e la risposta all’epidemia di poliomielite in Ucraina”, hanno scritto gli scienziati.

L’alto rischio di diffusione è dovuto alla bassa immunizzazione – 73,3% a dicembre 2021 – nonché alle lacune nell’immunizzazione a livello regionale, ha affermato l’autore presentatore Dmytro Stepanskyi, capo del Dipartimento di microbiologia, virologia, immunologia e Epidemiologia, Accademia medica di Dnipropetrovsk del Ministero della Salute dell’Ucraina. Questi fattori portano ad alti rischi di diffusione internazionale del virus nei paesi liberi dalla poliomielite.

Il Ministero della Salute dell’Ucraina ha collaborato con partner internazionali per sviluppare una strategia unificata per rispondere all’epidemia. Queste misure includono il rafforzamento della sorveglianza a livello nazionale, gli sforzi di immunizzazione per i bambini non vaccinati di età inferiore ai 6 anni, nonché le attività di advocacy e di comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube