fbpx

Orrore talebano, quattro rapitori uccisi e poi impiccati in piazza a Herat

Mondo

Le esecuzioni arrivano un giorno dopo che il regime ha negato di aver deciso il ripristino delle pene estreme. Le immagini con i corpi insanguinati appesi alle gru girate sui social. 

© SAYED KHODAIBERDI SADAT / ANADOLU AGENCY VIA AFP – Soldati talebani a Herat

 

 

AGI –  I talebani hanno ucciso quattro rapitori e hanno appeso i loro corpi in pubblico nella citta’ occidentale afghana di Herat. I quattro sono stati uccisi in uno scontro con le forze talebane questa mattina e successivamente i loro corpi sono stati legati e impiccati in diverse zone della città, ha spiegato un funzionario del governo locale in condizione di anonimato. Le quattro persone avevano rapito un cambiavalute e suo figlio nel quinto distretto della città e li avevano condotti in una zona vicina.

“Nello scontro i quattro rapitori sono stati uccisi sul posto in pochi minuti”, ha spiegato la fonte, assicurando che tra i talebani non ci sono state vittime e anche i due ostaggi sono rimasti illesi. I corpi dei rapitori, ha aggiunto la fonte, sono stati poi appesi in pubblico davanti a migliaia di persone.

Immagini diffuse sui social mostrano il corpo di una di queste persone, insanguinato, appeso a una gru in una delle principali rotonde della citta’ con un cartello sul petto che recita: “Chiunque compia un rapimento subira’ lo stesso destino”.

È la prima volta che i talebani appendono pubblicamente i corpi di sospetti criminali dal 15 agosto, quando hanno preso il pieno controllo del Paese. Punizioni brutali come l’impiccagione, la lapidazione e le frustate erano sanzioni comuni durante il primo governo talebano nel 1996-2001.

Durante quel periodo, gli islamisti radicali hanno appeso corpi di criminali in pubblico, quasi quotidianamente, a Kabul e in altre province del Paese. Le esecuzioni arrivano un giorno dopo che il governo talebano ha negato di aver deciso il ripristino delle pene estreme.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE