fbpx

Papa Francesco vola in Canada per un “pellegrinaggio penitenziale” di “guarigione e riconciliazione” 

Oltre Tevere - Vaticano

Pubblicato da:

alle ore: 17:44

Di Euronews e Afp

Papa Francesco in aereo 
Diritti d’autore  TIZIANA FABI/AFP or licensors

Un “pellegrinaggio penitenziale” di “guarigione e riconciliazione”. Così Papa Francesco ha spiegato la ragione del suo viaggio in Canada, dove è arrivato domenica mattina e si tratterrà fino all prossimo venerdì.

Francesco è il secondo Papa a visitare il Canada, 44% della popolazione cattolica, dopo Giovanni Paolo II, che vi si recò tre volte (1984, 1987 e 2002).

YouTube player

Il viaggio

Un viaggio “molto desiderato al centro del quale ci sarà l’abbraccio con le popolazioni indigene e con la Chiesa locale”, ha dichiarato a Vatican News il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin.

Lo scopo principale è di scusarsi personalmente con i diretti interessati per il ruolo della Chiesa nello scandalo che una commissione nazionale per la verità e la riconciliazione ha definito “genocidio culturale”: dalla fine del 1800 agli anni ’90, il governo canadese ha inviato circa 150.000 bambini indigeni in 139 scuole residenziali gestite dalla Chiesa, dove sono stati tagliati fuori dalle loro famiglie, dalla loro lingua e dalla loro cultura. E dove molti di loro hanno subito abusi fisici e sessuali da parte di presidi e insegnanti.

Si ritiene che migliaia di bambini siano morti per malattie, malnutrizione o abbandono, e dal maggio 2021, nei siti delle ex scuole sono state scoperte più di 1.300 tombe senza nome.

Il capo della comunità di 1,3 miliardi di cattolici, sulla sedia a rotelle per un problema al gionocchio, sarà accolto all’aeroporto internazionale di Edmonton dal Primo ministro canadese Justin Trudeau, dopo il volo più lungo dal 2019

Nella comunità di Maskwacis, a circa 100 chilometri a sud di Edmonton, il Papa si rivolgerà a una folla di circa 15.000 persone, tra cui ex studenti provenienti da tutto il Paese.

“Vorrei che venisse molta gente, a sentire che gli abusi non sono stati inventati”, ha detto Charlotte Roan, 44 anni, membro della Nazione Ermineskin Cree, intervistata dall’AFP a giugno.

Altri vedono ritengono che la visita del Papa sia troppo tardiva e insufficiente.

“Non andrei fuori strada per vederlo”, ha detto la 68enne Linda McGilvery della Saddle Lake Cree Nation vicino a Saint Paul, a circa 200 chilometri a est di Edmonton.

“Per me è un po’ troppo tardi, perché molte persone hanno sofferto, e i preti e le suore sono ormai passati a miglior vita”.

La McGilvery ha trascorso otto anni della sua infanzia in una delle scuole, dai sei ai 13 anni. Nella scuola residenziale ho perso gran parte della mia cultura e della mia ascendenza. Sono molti anni di perdita“, ha detto all’AFP.

Dopo una messa davanti a decine di migliaia di fedeli a Edmonton, martedì Francesco si dirigerà a nord-ovest verso un importante luogo di pellegrinaggio, il Lac Sainte Anne, per poi concludere il suo viaggio a Iqaluit, sede della più grande popolazione Inuit del Canada, dove incontrerà gli ex studenti delle scuole residenziali dove sono avvenuti gli abusi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Traduci

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube