fbpx

Pellegrinaggio al santuario della Signora che non ne azzeccò una

Arte, Cultura & Società

In occasione del pellegrinaggio a Fatima della diocesi di Roma, monsignor Remo Chiavarini, amministratore delegato dell’Opera Romana Pellegrinaggi, ha dichiarato: “Nel 1917 da Fatima la Vergine Maria annunciò la fine della Grande Guerra, in un momento in cui sia il Portogallo che l’Europa erano ancora nel pieno dei combattimenti. Mi piace vedere questa correlazione: Fatima è il posto giusto dove andare per prendere la forza di combattere contro la pandemia, con la certezza ci sono tempi nuovi che ci aspettano”. (ANSA).

Ora, che la guerra un giorno sarebbe finita, era una profezia che tutti avrebbero potuto fare, ma il  monsignore si è dimenticato, oppure ignora, che Lucia il 13 ottobre del 1917 dichiarò: «La Madonna ha detto che la guerra finisce oggi». E si sbagliò. La veggente di Fatima, poverina, non colse mai nel segno con le cosiddette profezie della Madonna. Sbagliò pure riguardo all’inizio della seconda: “Se non cessano di offendere il Signore – aveva detto – nel regno di Pio XI ne incomincerà un’altra peggiore”. Secondo gli storici il grande conflitto incominciò il 1° settembre del 1939, quando al soglio pontificio c’era già Pio XII. E neppure sul papa che «avrà molto da soffrire» c’indovinò. Nella lettera del 2 dicembre 1940, suor Lucia faceva capire chiaramente che la profezia del segreto si riferisse a Pio XII: «Varie persecuzioni e sofferenze riservate a Vostra Santità», gli aveva scritto, ma il rigoroso e aristocratico autocrate Pio XII non subì persecuzioni, né ebbe molte angustie. E sbagliò ancora riguardo alla fine della seconda guerra mondiale, affermando, nella lettera del 4 maggio 1943, che il Signore avrebbe fatto terminare il conflitto di lì a poco. Riguardo alla profezia del segreto, poi cambiò idea e affermò che il vescovo vestito di bianco era Giovanni Paolo II.
La scena del terzo segreto: “Un Vescovo vestito di bianco…Vari altri Vescovi, Sacerdoti…salire una montagna ripida…in cima alla quale c’era una grande Croce…Il Santo Padre…mezzo tremulo, con passo vacillante…venne ucciso da un gruppo di soldati che gli spararono vari colpi di arma da fuoco e di frecce”. Mezzo tremulo, passo vacillante, muore colpito da proiettili e frecce (le frecce sono di maggiore effetto). Muore. Ora, Giovanni Paolo II quando subì l’attentato non era vacillante e tremulo, ma nel pieno delle forze, e non morì. L’ennesimo errore della veggente, o un ripensamento della Signora di Fatima?
Sicuro, monsignor Chiavarini, che Fatima sia il posto giusto dove andare per prendere la forza di combattere contro la pandemia?
Renato Pierri
Autore di due libri su Fatima: “Il quarto segreto di Fatima”, Kaos Edizioni. “Nostra Signora di Fatima. La Madonna di un falso cristianesimo”, Mind Edizioni.

Renato Pierri


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE