fbpx

Per le zone bianche regole uniformi a livello nazionale

Politica

 

Gelmini: Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna, probabilmente passeranno in zona bianca

“Alcune regioni italiane, Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna, probabilmente già dalla prossima settimana passeranno in zona bianca”, annuncia il ministro per gli Affari regionali Mariastella Gelmini.

Per le zone bianche si cerca – rileva Fedriga, presidente della Conferenza delle Regioni – di “dare regole uniformi a livello nazionale”, “e ovviamente favorendo l’anticipazione di date programmate” per le riaperture “previste nelle settimane successive. Questo permetterà, penso come abbiamo sempre fatto come sistemi di tutte le Regioni italiane, di poter ripartire garantendo linee di sicurezza e limiti che abbiamo dato per come svolgere le attività, ma di fatto si può cominciare a fare tutto”.

“Abbiamo deciso di formulare provvedimenti uniformi tra i governatori” per le Regioni in zona bianca, annunciato il presidente della regione Veneto, Luca Zaia.

“Faremo – precisa Zaia – un’ordinanza ricognitoria, l’unico aspetto ‘creativo’ è che stiamo cercando di legittimare il tema dei luna park e degli spettacoli viaggianti, le sagre, e il tema delle discoteche, cercando di capire di introdurre il tema della ristorazione e della mescita delle bevande al tavolo”.

“Noi abbiamo già parametri da zona bianca – rileva il presidente della regione Lombardia, Attilio Fontana – ma la legge prevede che per ottenerla si debba rimanere per almeno due settimane senza alterazioni, dopodiché ci entreremo ufficialmente”.
Anche il presidente del Piemonte Alberto Cirio sottolinea come “il pre report continua a darci segnali estremamente confortanti di come l’epidemia stia retrocedendo in maniera netta, forte e continuativa”. Oggi potrebbe essere il giorno in cui il Piemonte scende sotto il 50%: “E’ importante arrivarci oggi perché da domani con un valore al di sotto del 50% potrebbero scattare le tre settimane di countdown per la zona bianca”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE