fbpx

Perché fare la prima colazione ci costa di più

Economia e Finanza

Il costo delle materie prime alimentari che compongono una tipica colazione è ai massimi da 10 anni, a causa del maltempo e della crisi della catena di approvvigionamento. Un’analisi del Financial Times

 

© AGF – Prima colazione

AGI – Ai massimi da 10 anni il costo delle materie prime alimentari che compongono una tipica colazione, a causa del maltempo e della crisi della catena di approvvigionamento: l’analisi è del Financial Times che ha messo a punto un indicatore ad hoc sulla prima colazione, basato sui prezzi dei futures per caffè, latte, zucchero, grano, avena e succo d’arancia.

In due anni, e cioè dal 2019 l’indice è salito del 63%, con una notevole accelerazione iniziata la scorsa estate. E se le aziende alimentari stanno aumentando i prezzi per i consumatori per proteggere i loro margini di profitto, grandi multinazionali tra cui Nestlè e Procter & Gamble hanno avvertito nelle ultime settimane che le pressioni sui costi continueranno a peggiorare.

Gli analisti dicono che i costi più alti per la produzione, la lavorazione e il trasporto manterranno i prezzi elevati. “I prezzi resteranno alti almeno un altro anno”, ha detto Carlos Mera, capo della ricerca sul mercato delle materie prime agricole alla Rabobank.

Il tempo favorevole e i raccolti eccezionali tra il 2016 e il 2020 hanno fatto sì che i prezzi delle materie prime alimentari fossero eccezionalmente bassi ma da allora sono intervenuti altri fenomeni tra cui quello più importante, la pandemia.

E questi fattori problematici che stanno alla base della produzione di cibo, si sono aggiunti all’aumento della domanda, poiché il rimbalzo dalla pandemia si è rivelato più forte di quanto la maggior parte delle persone avesse previsto.

Il passaggio dall’approvvigionamento “just in time” all’acquisto “just in case” ha anche spinto in alto la domanda extra di grano, caffè e zucchero. Anche se i prezzi delle materie prime alimentari tendono a stabilizzarsi negli ultimi mesi dell’anno, dato che è la stagione del post raccolto nell’emisfero settentrionale e l’inizio della stagione della crescita nel sud, i prezzi hanno continuato a salire quest’anno, con le materie prime per la colazione in aumento del 26% dal punto di partenza.

I modelli meteorologici contribuiscono al peggioramento della siutazione visto che sono previsti un altro periodo di siccità e gelate. Il costo dei fertilizzanti, che sono prodotti a partire dal gas naturale, è aumentato poiché molti produttori hanno anche fermato i loro impianti a causa dell’impennata dei prezzi del gas, aggiungendo ulteriore tensione. In un anno di condizioni meteorologiche estreme, i coltivatori delle principali regioni di produzione di molte materie prime alimentari hanno dovuto affrontare un calo della produzione.

I prezzi dei futures sul grano sono aumentati del 20% dall’inizio dell’anno, dato che Russia, Nord America e Argentina sono state colpite dalla siccità, mentre i produttori europei sono stati colpiti dalla pioggia. L’ultima volta che i prezzi del grano sono saliti ai livelli attuali è stato all’indomani della siccità del 2012 negli Stati Uniti.

I prezzi dell’avena, nel frattempo, sono raddoppiati quest’anno dopo che una grave siccità in Canada ha spazzato via quasi la metà del suo raccolto. Come maggior produttore ed esportatore mondiale di avena, la produzione canadese guida il commercio globale, e quest’anno il suo raccolto si è ridotto del 44%.

La siccità in Brasile, il grande produttore ed esportatore di zucchero e caffè, ha colpito entrambi i prodotti. Lo zucchero è aumentato del 26% dall’inizio dell’anno, mentre il caffè è salito del 56%. Gli agricoltori nelle maggiori regioni di coltivazione del caffè sono stati anche colpiti dal gelo fuori stagione a luglio, che ha danneggiato molti alberi, sollevando timori per il raccolto della prossima stagione.

Il caffè è stato anche uno dei prodotti più colpiti dall’interruzione dei viaggi dei container. La spedizione continua ad essere un problema che colpisce la catena di approvvigionamento, con tariffe più alte di quasi il 280% rispetto all’anno scorso. Secondo quanto riferito dal Ft, Francois-Xavier Roger, direttore finanziario di Nestlè, ha riferito all’inizio di questo mese che i prezzi del caffè per i clienti aumenteranno l’anno prossimo, “perché questo è davvero il momento in cui inizieremo a sentire la pressione sull’inflazione dei costi di input per categoria”.

La domanda ferma ha spinto i prezzi più in alto per il latte e il succo d’arancia, che hanno avuto una spinta pandemica iniziale, e hanno continuato ad essere sostenuti dall’aumento dei consumatori che fanno colazione a casa.

L’aumento della domanda di biocarburanti sta anche pompando i prezzi degli oli vegetali, come canola, olio di soia e olio di palma. I prezzi più alti tipicamente tagliano la domanda mentre incoraggiano l’aumento della produzione.

Tuttavia, secondo gli analisti, questa dinamica potrebbe ora rallentarsi. La domanda “Just in case” continua e i cattivi raccolti nei paesi in via di sviluppo stanno portando a un aumento dei prezzi delle gare di cereali. Non c’è segno di rallentamento della domanda, nonostante il livello dei prezzi. Quanto devono ancora devono aumentare?, si chiedono gli analisti.

“Tutte le materie prime agricole saranno influenzate dal fatto che i prezzi dei fertilizzanti non scenderanno nel breve termine”, ha detto Kona Haque, capo della società di ricerca e commercio ED&F Man. La grave siccità di quest’anno significa che molti agricoltori potrebbero non aver avuto il raccolto per beneficiare dei prezzi più alti. E questo colpirà la quantità di semi, fertilizzanti e pesticidi che possono acquistare per la prossima stagione.

Si tratta quindi di un circolo vizioso, e sempre secondo gli analisti, ricorda Ft, anche se un colpo di fortuna portasse condizioni meteorologiche e raccolti eccezionali per il prossimo anno, non sarà sufficiente a ricostituire le scorte e a far scendere i prezzi ai livelli precedenti. Sempre seocndo le previsioni, ci vorrà più di un anno per uscire dalla situazione di ristrettezza dell’offerta in cui ci troviamo ora. 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai apprezzato i nostri contenuti? Aiutaci a condividerli.

RSS
Facebook
YOUTUBE